Koreja. Tour internazionale

Andrà in scena a Tunisi, nell’ambito del festival “Le giornate teatrali di Cartagine”, lo spettacolo “La passione delle troiane”. Firmato Koreja

Ultimo appuntamento internazionale per la compagnia Koreja che mercoledì 18 novembre alle ore 21.00 approderà a Tunisi nell’ambito del Festival “Le giornate teatrali di Cartagine”, una fra le più importanti manifestazioni artistiche della Tunisia. Città di eroi, di miti e di leggende, Cartagine vanta oggi un ricchissimo calendario culturale in cui il meglio della tradizione popolare e religiosa si fonde a forme d'arte e di spettacolo. Solo due le compagnie italiane invitate (Koreja e il Teatro delle Albe di Ravenna) insieme ad artisti provenienti da Francia, Iran, Siria, Giordania, Belgio, Germania, Algeria, Senegal, Irak e Camerun. Nello splendido scenario del Theatre El Hamra in scena “La passione delle troiane”, una rappresentazione che si pone tra il teatro e la musica, tra il concerto e lo spettacolo, la quale ha ottenuto il Premio Speciale 2009 “Reward for Artistic AchievementTivat-Montenegro e il Premio per la miglior regia al JoachimFest di Kragujevac (Serbia). La regia di Antonio Pizzicato e Salvatore Tramacere collocano la femminilità al centro dello spettacolo: emergono, infatti, in primo piano, le figure di Andromaca, Ecuba, Cassandra che, pur costrette a sottomettersi a un destino crudele, non rinunciano tuttavia alla loro fierezza, non piegano il capo di fronte alla crudeltà dei greci e denunciano con parole frementi di sdegno gli orrori della guerra fra gli uomini. E ancora la morte, nella tragedia euripidea, del piccolo e innocente Astianatte, richiama alla mente la crocifissione dell’Innocente per antonomasia, Cristo, colui che, senza peccato, si è immolato per la salvezza del genere umano. Per questo, il pianto di Andromaca si fonde con quello della Vergine in un unico grande dolore che è quello di tutte le madri costrette dal destino a rinunciare ai propri figli. Il teatro di Euripide funge da vero e proprio laboratorio politico, non chiuso a se stesso, ma al contrario, affine ai mutamenti. Lo sgretolamento del tradizionale modello eroico porta alla ribalta del teatro euripideo la figura muliebre: Andromaca, Fedra e Medea sono le nuove figure tragiche di Euripide, il quale ne tratteggia sapientemente la tormentata sensibilità e le pulsioni irrazionali che si scontrano con il mondo della ragione e che ben si coniugano con le tradizioni salentine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!