Omicidio Padovano. Fasano non è indagato

Legato da un rapporto di fiducia con Rosario Padovano, mandante dell'omicidio di Salvatore, Flavio Fasano non compare nel registro degli indagati

Il nome di Flavio Fasano, avvocato ed ex sindaco di Gallipoli (centrosinistra) non compare sul registro degli indagati nell’inchiesta sull’omicidio Padovano. Né per concorso esterno né per favoreggiamento. La sua posizione è attualmente al vaglio degli inquirenti che dovranno stabilire di che natura fossero i suoi rapporti d’affari con Rosario Padovano, fratello di Salvatore detto “Nino bomba” e mandante del suo omicidio. Gli affari riguardano la gestione del mercato ittico del Castello angioino e dei ristoranti di Gallipoli. Ma anche l’intenzione di entrare nel settore delle aste giudiziarie. Tra i due pare ci fosse anche una convergenza di vedute politiche; cosa che divideva ulteriormente Rosario dal fratello Salvatore, il quale era invece vicino al Pdl. Dalle intercettazioni telefoniche ed ambientali, dai pedinamenti e dagli interrogatori realizzati da Elsa Valeria Mignone, sostituto procuratore della Direzione distrettuale antimafia, con i carabinieri del Ros e con i poliziotti della Squadra mobile, emerge uno stretto rapporto tra Fasano e Rosario, che si rivolgeva all’avvocato anche per i pareri più delicati o per chiedere chiarimenti su notizie pubblicate dalla stampa a proposito dell’omicidio del fratello. Un rapporto fatto di lunghe telefonate o incontri anche nelle ore notturne. Al momento gli inquirenti sostengono che l’iniziativa di uccidere Vincenzo Barba, deputato del Pdl, sia maturata unicamente in Rosario Padovano. Carmelo Mendolia, il killer da lui assoldato poi divenuto collaboratore di giustizia, lo indica come mente e come braccio, insieme a lui, di quell’omicidio che sarebbe dovuto sembrare la degenerazione di una rapina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!