Goffredo difende Italgecri, Sevar e Grandi

Sergio Goffredo, presidente Ance Lecce, è critico sulle posizioni di Alessio Colella, segretario di Fillea Cgil a proposito delle tre aziende. “Sono state obbligate – dice – a ridurre il personale”

“In un contesto di corrette relazioni industriali stridono le dichiarazioni di Alessio Colella, segretario Fillea Cgil, relativamente alle aziende Italgecri srl, Sevar srl e Grandi srl. Imprese che stanno registrando una pesantissima contrazione delle commesse, per il completamento dei lavori di metanizzazione, e, quindi, obbligate a ridurre il personale”. Esordisce così Sergio Goffredo, presidente di Ance Lecce, che continua: “Doversi privare di personale specializzato, formato professionalmente per anni dalle stesse imprese è oggettivamente un depauperamento del patrimonio aziendale”. “Le imprese sopra citate – afferma Goffredo – hanno sempre rispettato il contratto collettivo nazionale e provinciale di categoria, corrispondendo regolarmente le retribuzioni spettanti alle scadenze prefissate e versando i relativi contributi agli enti previdenziali ed alla Cassa edile, nei termini di legge. Le imprese altresì – dice ancora il presidente Ance Lecce – hanno sempre applicato l’orario di lavoro previsto, come disciplinato dall’art. 5 del Contratto integrativo Provinciale per gli Edili, sottoscritto anche dalla Fillea Cgil. Risultano, pertanto, incomprensibili le affermazioni di Colella, afferenti mancate retribuzioni o irrispettose di quanto dovuto o ancora relative all’inosservanza degli orari di lavoro”. “In questo delicato e difficile momento economico per l’intero territorio salentino – conclude Sergio Goffredo – demonizzare le imprese, le uniche che nel rispetto delle regole possono generare sviluppo, occupazione e crescita sociale, è una cattiva pratica da respingere”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!