A De Benedittis il Premio di Montanelli

Il designer salentino Gianni De Benedictis sarà premiato oggi a Milano con il Premio delle Arti e della Cultura istituito da Indro Montanelli nel 1988

Di Daria Ricci Contento ? “Si molto. Questo premio è un grande onore per me”; poche parole che racchiudono tutta la sua gioia. La gioia di Gianni De Benedittis, il designer orafo salentino. Ancora un riconoscimento per lui e di tutto prestigio. Gianni De Benedittis sarà premiato oggi a Milano presso il Circolo della Stampa con il “Premio delle Arti e della Cultura”. Il premio internazionale, fondato nel 1988 da Indro Montanelli, è ormai un’istituzione di vasto respiro culturale, capace ancora di indicare al pubblico internazionale nomi di sicura professionalità e competenza. L’ambito riconoscimento va a puntare il dito non solo su nomi di chiara fama nell’ambito delle arti in genere, ma mette in risalto anche giovani eccellenze che si aprono a un futuro di speranze. La giuria internazionale, presieduta da Carlo Franza, storico dell’arte contemporanea, attraverso più sessioni di lavoro ha proceduto ad identificare una rosa dei vincitori, fra i quali vi è il nome di Gianni De Benedittis per la categoria “Design del gioiello”. De Benedittis, designer e creatore di gioielli del brand “futuro Remoto”, è già vincitore del concorso “Who is on Next” per la gioielleria, di VOGUE Italia. Sta raccogliendo numerosi e importanti consensi sia in Italia sia all’estero: le ultime mostre si sono tenute in contesti internazionali, dal Palazzo delle Scienze e della Cultura di Varsavia all’Expo di Saragozza, dal Metropolitan Pavilion di New York ai Magazzini Novinsky di Mosca, al Palais des Sport di Salonicco. Suoi ultimi successi sono la collezione “Sfere armillari”, gioielli disegnati e creati su richiesta dello stilista Guillermo Mariotto della maison Gattinoni e la collezione “Segnali di Lusso” presentata a Milano lo scorso settembre.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!