Mensa scolastica. Si parte lunedì

Casarano. L’opposizione contesta il ritardo nell’attivazione del servizio. L'amministrazione: “Partirà lunedì, con delle novità e senza costi aggiuntivi”

La mancata attivazione del servizio di refezione scolastica diventa oggetto di dibattito politico. I consiglieri comunali dell’opposizione (Claudio Casciaro, Gianpiero Marrella, Luigi Bartolomeo, Antonio Torsello e Antonio Gatto), facendosi interpreti delle sollecitazioni di numerosi genitori, hanno chiesto, con un’interrogazione urgente indirizzata al sindaco Ivan De Masi e al presidente del Consiglio comunale, Paolo Zompì, le motivazioni per cui il servizio di mensa scolastica non è ancora partito, nonostante l’anno scolastico sia già iniziato da oltre un mese. Secondo gli esponenti di centro-destra, il disagio viene sentito in particolare dagli alunni che in via sperimentale frequentano il tempo pieno. I consiglieri della minoranza consiliare avrebbero registrato, tra l’altro, “un grave ritardo anche rispetto agli anni scolastici precedenti, nonostante il sindaco e la nuova Giunta si siano preoccupati di visitare tutti gli istituti scolastici di competenza comunale, assicurando un forte impegno per le problematiche della scuola. Alla luce delle diverse inadempienze – concludono gli esponenti del centro-destra – non vorremmo che le visite fossero servite solo ad una mera e semplice passerella post- elettorale”. La risposta dell’amministrazione comunale non si è fatta attendere, ed ecco l’annuncio che gli interessati aspettavano: il servizio riprenderà da lunedì prossimo. “In risposta alle accuse mosse dalla minoranza – spiega Giulia Tenuzzo, assessora ai Servizi sociali, – mi corre l’obbligo di precisare che tale ritardo, per altro non eccessivo nei confronti dello scorso anno, è dovuto al tentativo di ristrutturare il servizio. Quest’anno è prevista un’importante novità. Da gennaio offriremo un servizio aggiuntivo di acquisto e gestione dei buoni mensa direttamente dal nuovo portale del Comune di Casarano. Inoltre – prosegue l’assessore – insieme al sindaco abbiamo fortemente voluto, in un momento di profonda crisi generale, mantenere costante la tariffa rispetto all'anno scorso, rimanendo al di sotto della spesa media delle famiglie. Nonostante questo, però – conclude la Tenuzzo – abbiamo cercato di non riproporre in modo meccanico il servizio così come era, ma di tararlo su quelle che sono le reali necessità dei bambini e le esigenze delle loro famiglie”. Il servizio fornirà 480 pasti al giorno per cinque giorni a settimana, che diventeranno 552 nei due giorni in cui sarà attivato il tempo pieno. “Grazie alla collaborazione con la Asl – si legge in una nota del Comune – sarà possibile approntare dei menu settimanali strutturati in base al preciso fabbisogno nutrizionale dei bambini. Questo garantirà agli alunni che usufruiranno del servizio una dieta sana ed equilibrata, che per altro i genitori potranno costantemente monitorare grazie alla copia del menù che verrà loro fornita al momento dell’acquisto dei buoni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!