Le macchine di Leonardo. Grande successo della mostra di Acaya

Prorogata fino al 10 gennaio la mostra delle 40 opere realizzate da Giuseppe Manisco. Riproduzioni fedelissime delle celebri macchine leonardesche

di Mauro Longo “Le macchine di Leonardo da Vinci nelle sale di Gian Giacomo dell’Acaya”. E’ questo il titolo della mostra delle 40 opere realizzate dal genio dello studioso galatonese Giuseppe Manisco. Riproduzioni fedelissime e in scala reale delle celebri macchine leonardesche. Ieri mattina (ore 12) a Palazzo Adorno a Lecce ha avuto luogo la conferenza stampa di presentazione dei risultati dell’evento espositivo. Nella stessa occasione ne è stata annunciata la proroga. All’incontro erano presenti Simona Manca, vicepresidente della Provincia di Lecce, e Maria Rosaria De Lumè, presidente dell’Istituto di Culture Mediterranee della Provincia. La mostra era stata inaugurata l’11 luglio scorso nella suggestiva cornice del Castello di Acaya ed ha riscosso, in pochi mesi, un grande successo in termini e di pubblico e di critica. La proposta, presentata dall’associazione CREATTIVAmens di Galatone, è stata accolta con entusiasmo dall’assessorato provinciale alla Cultura, dall’Istituto di Culture Mediterranee, dal museo provinciale “Sigismondo Castromediano”, dall’Azienda di promozione turistica di Lecce e dal Comune di Vernole, ha superato di gran lunga le aspettative andando decisamente oltre ogni più lusinghiera aspettativa. Da premiare oltre alla collezione, la gestione e i servizi offerti al visitatore: materiale illustrativo in italiano, inglese, francese e spagnolo; possibilità di ammirare i disegni più suggestivi di Leonardo attraverso riproduzioni di artisti salentini (Caterina Manisco e Christian Imbriani) e non (Stefano Lucà); percorso “Leonardo tattile” e didascalie in braille per visitatori non vedenti; angolo bookshop e gadget; visite guidate su prenotazione alla scoperta di Leonardo a cura dello stesso Manisco, un uomo dalla passione contagiosa. Un successo tale da far posticipare la chiusura della mostra: si avrà tempo non più fino al 31 ottobre prossimo, ma fino al 10 gennaio 2010 per ammirarla. Commosso per i tanti commenti positivi e carico di soddisfazioni per questa proroga, Manisco che ieri sera è partito assieme a De Lumè alla volta di Tirana e Valona. In occasione della settimana della cultura italiana, quest'anno incentrata sul tema della scienza e della tecnologia, il Consolato dell'Albania, a conoscenza dell'iniziativa di alto livello in corso nel Castello di Acaya, ha formalmente invitato lo studioso galatonese a tenere un seminario nelle Università di Valona e Tirana. Le macchine saranno così commentate e conosciute grazie ad apposito materiale illustrativo nonché ad alcuni originali, fra i quali il cannone, il compasso, la macchina del moto perpetuo, che per l'occasione saranno portate oltremare. Mostra “Le macchine di Leonardo da Vinci nelle sale di Gian Giacomo dell’Acaya” 11 luglio 2009 – 10 gennaio 2010 Giorni e orari di Apertura Fino al 31 ottobre: mar – mer – gio: ore 18 – 21 ven – sab – dom: ore 10 – 12,30; ore 18 – 21 Dal 1 novembre al 21 dicembre: gio: ore 16 – 19 sab – dom – festività: ore 10 – 12,30; ore 16 – 19 Dal 22 dicembre al 10 gennaio: mar – mer – gio – ven: ore 16 – 19 sab – dom – festività: ore 10 – 12,30; ore 16 – 19 Ingresso (biglietto cumulativo = visita castello + visita mostra): biglietto intero: 5 euro biglietto ridotto: 3 euro (da sei a 14 anni; oltre i 65 anni; gruppi oltre 26 visitatori; visitatori non vedenti) biglietto gratuito sotto i sei anni e per visitatori disabili Info e Prenotazioni: Associazione CREATTIVAmens 389/5819972 (Dott.ssa Jenny Manisco) [email protected] Provincia di Lecce 347/2535235 (Oronzina Malecore) www.culturemediterranee.org [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!