Lavoro. Uomo e donna non sono uguali

GUARDA IL VIDEO. E' stata presentata stamattina l'attività condotta dalla consigliera di Parità della Provincia di Lecce nel 2008. Oltre al “Report 2008” sono stati illustrati i risultati del “Bilancio di genere“: uomo e donna non hanno le stesse opportunità

Un resoconto dell’attività svolta nel 2008. Era questo l’obiettivo della conferenza stampa che ha avuto luogo stamattina presso palazzo Adorno a Lecce, organizzata da Serenella Molendini, consigliera di Parità della Provincia di Lecce. Nel corso dell’incontro sono stati illustrati gli obiettivi e i nuovi progetti nati da attività di ricerca sul campo condotta dall'Ufficio della Consigliera, per favorire la piena realizzazione della parità tra uomo e donna in ambito lavorativo, ancora troppo lontana dall’essere attuata. L’intero lavoro portato avanti nel corso del 2008 è stato compendiato in una pubblicazione, “L’attività della consigliera di Parità. Report 2008”, il quarto volume della collana “I quaderni di parità”, edizioni “Il Tacco”. All’interno del libro sono raccolte le ricerche, le iniziative di difesa e valorizzazione dei diritti delle donne e quelle di promozione e sostegno attivo condotte da Molendini e dal suo staff. Il convegno di oggi è stato anche occasione per presentare i risultati della ricerca svolta all'interno della Provincia di Lecce e racchiusa nel “Bilancio di Genere”, un innovativo strumento di lettura del fenomeno dell'occupazione in un'ottica di genere. Il risultato non è incoraggiante: la strada da percorrere per raggiungere una piena parità è ancora lunga.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!