Biostabilizzatore. Allarme cattivi odori

Oronzo Borgia, de “La Puglia prima di tutto” di Poggiardo, ha denunciato i cattivi odori provenienti dal biostabilizzatore cittadino: “Sono l’effetto percepibile dell’inquinamento atmosferico”

“Il rischio da cattivi odori per la salute umana e l’ambiente derivanti dal cattivo funzionamento dell’impianto di biostabilizzazione Sud Gas di Poggiardo”. È l’oggetto di una lettera firmata da Oronzo Borgia de “La Puglia prima di tutto” che da qualche giorno sta facendo discutere i cittadini e i rappresentanti istituzionali di Poggiardo tanto da far spingere il sindaco Silvio Astore a prendere carta e penna e chiedere l’intervento delle autorità sanitarie e tra le altre anche il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri, oltre alla Provincia e al Commissario delegato all’emergenza ambientale. Nella lettera, Borgia scrive che “i cattivi odori rappresentano l’effetto più immediato e pubblicamente percepibile dell’inquinamento atmosferico e molto spesso questo fenomeno è considerato con superficialità perché viene preso in seria considerazione solo quando l’esposizione agli odori determina particolari patologie acute”. Un attacco diretto quello del dottore il quale comunque ammette come “sebbene sia difficile dimostrare la relazione diretta fra l’esposizione cronica di una popolazione alle sostanze maleodoranti a non elevata concentrazione e la loro azione tossica, è però possibile l’identificazione delle singole sostanze chimiche odorigene di cui si possono conoscere gli effetti sulla salute umana e sull’ambiente”. “Ammoniaca, idrogeno solforato, mercaptani e disolfuri, ammine, acidi organici”: sono queste le sostanze che Borgia identifica dai processi di fermentazione (con produzione di biogas) dei rifiuti solidi urbani. “Fra queste sostanze – continua il dottore – è dimostrata da evidenze scientifiche l’azione nociva sulla salute e sull’ambiente dell’idrogeno solforato. Facciamo forte appello – conclude – a tutti gli organi istituzionali in particolare al sindaco Astore e al consigliere regionale Gianfreda affinché si attivino per sostenere la presente richiesta in modo da venire incontro alle aspettative di salute della popolazione di Poggiardo e Vaste oltre che dei comuni limitrofi”. Un’epistola che ha subito mobilitato Astore: “Tempestivamente ho inviato una lettera a varie istituzioni affinché stante la gravità di quanto riportato dal nostro concittadino ci spieghino se tali informazioni trovino riscontro nei dati in loro possesso e reale attendibilità scientifica”. Interpellato, Fabio Montinaro, amministratore unico della Sud Gas srl, smentisce qualsiasi voce sul malfunzionamento della struttura di biostabilizzazione e spiega che “da che mondo è mondo l’immondizia puzza”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!