Investimenti in agricoltura e ripresa

“Organizzazione del lavoro e investimenti in agricoltura per favorire la ripresa”. E' stato il tema del terzo congresso provinciale Uimec-Uil Lecce

Terzo congresso provinciale per la Uimec-Uil Lecce (Unione italiana mezzadri e coltivatori diretti), incentrato su “Organizzazione del lavoro e investimenti in agricoltura per favorire la ripresa”. L’appuntamento si è tenuto l’altro giorno presso l’hotel Restaurant and Green di Cannole dove sono intervenuti Fabrizio Valzano (presidente provinciale Uimec), Salvatore Giannetto segretario provinciale Uil Lecce, Tommaso Battista (Uimec regionale), Gregorio Manca (Uila) e Alessandro Ranaldi sub commissario nazionale Uimec, oltre ai tanti delegati. Al termine dei lavori si è proceduto al rinnovo degli organismi: Valzano è stato confermato presidente, mentre vicepresidenti vicari sono Franco Andrioli e Ottavio Calò, tesoriere Carlo Cordella. Tra i temi sul tavolo di discussione il rischio desertificazione e inaridimento del territorio pugliese e salentino, la mancanza di manovalanza e coltivazione delle terre, il prezzo dell’olio e del grano in caduta libera, la concorrenza straniera, il disegno di legge passato in Commissione al Senato sulla tracciabilità dell’olio e infine il Distretto agroalimentare Puglia approvato agli inizi di ottobre che ha riconosciuto il distretto sulla qualità jonico-salentina e alcuni dati: 1.223 imprese agricole cessate nel solo 2008, 13.000 ettari di tabacco spariti dal 2005 ad oggi e il prezzo delle patate arrivato a 7 euro al quintale (cioè 7 centesimi al chilo).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!