Alessia Ferreri, consigliera di Parità supplente

E’ stata nominata dalla Giunta provinciale e resterà in carica fino alla scadenza del mandato della consigliera di Parità effettiva

E’ Alessia Ferreri la nuova consigliera di Parità supplente della Provincia di Lecce. A nominarla è stata la Giunta provinciale presieduta da Antonio Gabellone. Considerato il curriculum formativo e professionale, tenuto conto del D. Lgs. 198/06 (art. 13, comma 1: “Le consigliere ed i consiglieri di parità devono possedere requisiti di specifica competenza ed esperienza pluriennale in materia di lavoro femminile, di normative sulla parità e pari opportunità nonché di mercato del lavoro, comprovati da idonea documentazione”), l’esecutivo provinciale ha designato Ferreri quale consigliera di Parità supplente fino alla scadenza del mandato di Serenella Molendini, consigliera di Parità effettiva. Il provvedimento di nomina di Ferreri segue l’avvio delle procedure per il rinnovo della Commissione Pari Opportunità della Provincia di Lecce, che resterà in carica fino alla scadenza del mandato del Consiglio provinciale. La Commissione è composta, oltre che dalla consigliera di Parità, dall’assessore alle Pari Opportunità e dal presidente della Commissione consiliare Pari Opportunità, da undici eletti dal Consiglio provinciale, sulla base delle candidature inoltrate da associazioni, gruppi, organizzazioni professionali, culturali, del volontariato, operanti nel territorio provinciale. Le istanze per la candidatura devono pervenire alla Provincia di Lecce (UOC Organi, Presidente e Giunta – via Umberto I, 13 – Lecce) mediante raccomandata con avviso di ricevimento entro il 30 ottobre prossimo. Sulla busta dovrà essere indicato: “Candidatura per il rinnovo della Commissione provinciale per le Pari Opportunità tra uomo e donna”. Il regolamento della Commissione Pari Opportunità ed il relativo avviso sono disponibili sito istituzionale della Provincia di Lecce (www.provincia.le.it).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!