Camerata Musicale Salentina. Al via il 23 ottobre

Il direttore Marcello Panni, la pianista Lilya Zilberstein, il Balletto del Sud aprono il Cartellone. Gli sforzi della Camerata e la collaborazione con la Ico

di Daria Ricci Parte la Camerata Musicale Salentina. Si apre il 23 ottobre con l’Orchestra sinfonica Tito Schipa, Marcello Panni direttore, la pianista Lilya Zilberstein, le Etoiles del Balletto del Sud, le coreografie di Fredy Franzutti. Con le musiche di Ravel, Rachmaninoff. Al Teatro Politeama Greco. Uno dei tre appuntamenti in collaborazione con la “Ico”. “Forte è stata la collaborazione con la Fondazione “Ico”, che ci ha consentito di acquisire e presentare, all’interno della nostra stagione, tre importanti appuntamenti”, ha sottolineato il maestro Pierluigi Camicia, direttore artistico della Camerata. La 40esima Stagione concertistica “è un cartellone di tutto rispetto – ha continuato Camicia – nonostante i forti tagli alla cultura e grazie agli sforzi, alla fiducia artistica e al coraggio finanziario che trova salde fondamenta nel contributo dei nostri spettatori e nell’attenzione delle istituzioni, Provincia e Comune, e degli altri Enti”. I 19 appuntamenti abbracciano la musica classica e la danza, sia classica sia contemporanea. Camicia, che è anche direttore del Conservatorio di Lecce, ha inoltre parlato di una nuova iniziativa: agevolare un percorso di frequentazione dei nuovi ammessi al Conservatorio, facendo pagare loro un abbonamento in poltrona a soli 50 euro; 50 euro anche per l’abbonamento di un genitore che li accompagna e 80 euro per il secondo genitore. Gaetano Schirinzi, presidente della Camerata, ha espresso la profonda gratitudine al pubblico degli abbonati che “con le numerose adesioni confermate ancor prima di conoscere il programma della Stagione ha dimostrato di gradire e comprendere il lavoro che viene svolto e l’impegno per offrire un programma di grande qualità artistica e di grande varietà”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!