Una Consulta delle costruzioni edili a Lecce

Associazioni datoriali ed organizzazioni sindacali insieme. E’ nata a Lecce la Consulta delle costrizioni edili. Obiettivo: uscire dalla crisi

Uscire dalla crisi si può, costruendo il tempo del confronto ed il tempo delle scelte. E’ questo lo spirito alla base della neonata Consulta del settore delle Costruzioni edili. La Consulta, che si è costituita nelle scorse ore a Lecce, è composta dalle associazioni datoriali Ance Lecce, Aniem Confapi, Claai Edili, Cna Costruzioni, Confartigianato Edili, Lega Coop. e dalle organizzazioni sindacali di settore Feneal-Uil, Filca-Cisl, Fillea-Cgil. La centralità strategica delle costruzioni nell’economia provinciale, così come in quella regionale e nazionale, è di tutta evidenza. Paradossalmente, però, sono tante le criticità che percorrono il settore: dalla scarsità delle risorse ad una legislazione contraddittoria e complessa che mortifica l’iniziativa imprenditoriale; da una eccessiva pressione fiscale ai tempi lunghi che necessitano per la realizzazione degli interventi pubblici e privati, per citarne sole alcune. Tali elementi ricadono negativamente sull’intera economia, sui lavoratori addetti e rischiano di pregiudicare l’occupazione, la legalità e la sicurezza nei cantieri. Gli impegni della Consulta sono finalizzati a fare delle imprese edili le protagoniste dello sviluppo del territorio, per poter finalmente cogliere le opportunità di crescita economica del Salento. In questa ottica, la Consulta interesserà la deputazione nazionale e regionale, per quanto di rispettiva competenza, della necessità di una legislazione più attenta alle esigenze delle imprese edili, che faccia loro costruire invece che produrre carte. Così come alle pubbliche amministrazioni chiederà accelerazione della spesa, bandi legittimi, procedure autorizzative per gli interventi privati in tempi certi e celeri.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!