Ritardi

Piccoli sfasamenti tra genitori e figli in un lied di Mahler

Mamma, mamma… ho fame, dammi del pane o per me è la fine! Aspetta, piccolo mio, la mietitura è domani. Dopo la mietitura il bambino torna a implorare, ma c'è la trebbiatura, poi bisognerà ancora impastare e accendere il forno. “E quando il pane fu sfornato, il bimbo nella bara era adagiato”. Il testo, musicato da Mahler alla fine dell'800, appartiene a una raccolta di poesia popolare tedesca risalente ai primi del secolo, “Il corno magico del fanciullo”, curata da Achim von Arnim e Clemens Brentano. Poesia popolare col ritocco d'autore, tanto da suscitare un dibattito su poesia di natura e poesia di cultura. Comunque sia, il lied, al di là di una prima lettura miserabilista (la fame del povero figlio di contadini), racchiude una desolata intuizione sul rapporto genitori-figli. Nell'eterno contrasto fra l'uovo oggi e la gallina domani, tra principio di piacere e principio di realtà, il rapporto risulta sempre rimandato, sfasato, intralciato dal lavoro, dalla responsabilità, segnato da repressioni e atti mancati, abbiccì di ogni nevrosi. Arnim e Brentano l'avevano intitolato “Verspätung”, cioè ritardo. Per Mahler, che aveva conosciuto il giovane Freud, sarà né più né meno che “Das Irdische Leben”, la vita terrena, tutta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!