Ritardi

Piccoli sfasamenti tra genitori e figli in un lied di Mahler

Mamma, mamma… ho fame, dammi del pane o per me è la fine! Aspetta, piccolo mio, la mietitura è domani. Dopo la mietitura il bambino torna a implorare, ma c'è la trebbiatura, poi bisognerà ancora impastare e accendere il forno. “E quando il pane fu sfornato, il bimbo nella bara era adagiato”. Il testo, musicato da Mahler alla fine dell'800, appartiene a una raccolta di poesia popolare tedesca risalente ai primi del secolo, “Il corno magico del fanciullo”, curata da Achim von Arnim e Clemens Brentano. Poesia popolare col ritocco d'autore, tanto da suscitare un dibattito su poesia di natura e poesia di cultura. Comunque sia, il lied, al di là di una prima lettura miserabilista (la fame del povero figlio di contadini), racchiude una desolata intuizione sul rapporto genitori-figli. Nell'eterno contrasto fra l'uovo oggi e la gallina domani, tra principio di piacere e principio di realtà, il rapporto risulta sempre rimandato, sfasato, intralciato dal lavoro, dalla responsabilità, segnato da repressioni e atti mancati, abbiccì di ogni nevrosi. Arnim e Brentano l'avevano intitolato “Verspätung”, cioè ritardo. Per Mahler, che aveva conosciuto il giovane Freud, sarà né più né meno che “Das Irdische Leben”, la vita terrena, tutta.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!