Cambio di direzione per il Nuovo Quotidiano di Puglia

Giancarlo Minicucci lascia la direzione del Nuovo Quotidiano di Puglia e al suo posto subentra Claudio Scamardella

«A Giancarlo Minicucci, che dopo dieci anni lascia la direzione del “Nuovo Quotidiano di Puglia”, rivolgo un sentito ringraziamento per l'ottimo lavoro compiuto come direttore di uno dei quotidiani più amati e seguiti del Grande Salento». Queste sono state le parole di Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia, intervenendo in occasione del cambio di direzione del Nuovo Quotidiano di Puglia. Al direttore uscente subentra Claudio Scamardella. «In un momento delicato per i giornalisti e per il compito che sono chiamati a svolgere – prosegue Buccoliero – mi sembra doveroso riconoscere l'impegno concreto di Giancarlo Minicucci, che per dieci anni ha lavorato per il Salento e con il Salento, contribuendo con professionalità, obiettività e attenzione a far crescere non solo un giornale, ma anche una comunità e i suoi abitanti. Un organo di stampa che sappia essere trasparente, obiettivo e leale contribuisce a rafforzare la democrazia e a formare una coscienza critica, in grado di analizzare con autonomia di pensiero i vari avvenimenti. Un compito estremamente delicato, che non sempre viene adeguatamente riconosciuto ed apprezzato. Sono certo che Giancarlo Minicucci, chiamato a più importante incarico, continuerà ad essere legato ad un territorio con cui ha saputo realizzare un proficuo scambio di idee e di esperienze. A Claudio Scamardella, nuovo direttore del “Nuovo Quotidiano di Puglia”, – conclude Buccoliero – rivolgo gli auguri più sinceri per un proficuo lavoro con tutti i giornalisti della sua testata e con un Salento, che, con le tre province di Lecce, Brindisi e Taranto, intende essere Grande non solo nel nome, ma soprattutto nelle idee e nelle azioni di oggi e di domani».

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!