Pallavolo Salve. Un marchio di qualità

Alla scuola di Vanessa De Sangro (presidente onorario Camillo Placì) il prestigioso riconoscimento della Federazione italiana Pallavolo

Continua a crescere e ad ottenere sempre maggiori riconoscimenti il nuovo progetto sportivo avviato nel piccolo centro del Capo di Leuca. Dopo le vittorie ottenute dai giovani atleti nella primavera scorsa, per la Scuola Pallavolo diretta da Vanessa De Sangro è giunto il premio più prestigioso ed ambito. Il Centro studi della Federazione italiana pallavolo ha infatti recentemente comunicato l’elenco delle 405 società sportive che sono state premiate a livello nazionale con il “Certificato di qualità per l’Attività giovanile”. La “Pallavolo Salve”, nuova realtà sportiva che opera sul territorio da soli due anni e che recentemente aveva ottenuto dal Coni la qualifica di “Centro di Avviamento allo Sport”, è entrata a far parte del ristretto gruppo delle migliori scuole giovanili nazionali, insieme ad altre 22 società pugliesi ed alle salentine SBV Galatina”, “Volley 2000 San Cassiano”, “Cesp Olimpius Parabita” e “Gruppo Volley Corvino Lizzanello”. La certificazione di qualità dell’attività giovanile, ideata per premiare la qualità dell’impegno e del lavoro che quotidianamente viene svolto dalle società sportive affiliate alla Federazione pallavolo, viene riconosciuta in base ad elementi oggettivi di giudizio. Tra i parametri valutati dal Centro Studi per l’assegnazione della certificazione rientrano infatti il numero di tesserati, i campionati giovanili svolti, i risultati conseguiti, i progetti di sviluppo e le collaborazioni sul territorio, le competenze e la qualificazione dello staff tecnico e dei dirigenti, la comunicazione e l’attività di promozione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!