Giovani imprenditori: “Con il federalismo fiscale ce la faremo”

Finanza agevolata ed un fondo per il Sud. Il gruppo giovani di Confindustria ne ha discusso nell'incontro di venerdì

Su invito del presidente Vincenzo Portaccio, i giovani imprenditori della Puglia, guidati da Antonella Pasqualicchio, si sono riuniti lo scorso venerdì presso la sede di Confindustria Lecce. Con Lecce, la presidente Pasqualicchio ha dato avvio ad un nuovo percorso di “direttivi itineranti dei G.I. della Puglia” con lo scopo di avvicinare il regionale alle territoriali per stringere le maglie della rete dei giovani imprenditori pugliesi. La riunione è stata foriera di numerosi spunti di riflessione. In particolare si è alzato il tiro sul tema della finanza agevolata e sull’ipotesi di un fondo per il Sud. “Non è quello che ci serve – hanno affermato gli imprenditori -; dobbiamo farcela da soli, con il federalismo fiscale. Il risultato di 60 anni di Cassa per il Mezzogiorno e di fondi nazionali ed europei a pioggia ha, soprattutto, generato e moltiplicato a dismisura enti pubblici e municipalizzate, gestite dalla lunga mano della cattiva politica, con l’antico e dannoso spirito clientelare. Al contrario – hanno continuato – non abbiamo visto né strade, né scuole e né ospedali degni di essere chiamati tali. Un coltello a doppia lama poiché questo sistema, oltre ad essere emblema di improduttività, pessimo servizio al massimo costo, ha ispirato negli anni un ideale di vita professionale tutta volta al ‘posto pubblico e sicuro’, annientando, oppure soffocando, quel sano spirito di impresa e desiderio di mettersi in gioco e alla prova, puntando sul merito. Da questa mala gestione – hanno concluso – non si è salvata neanche la classe imprenditoriale che, in troppi casi, si è fatta incantare da sirene sbagliate, puntando alla rendita e non alla crescita delle imprese e dei territori”. Questo è il messaggio che i giovani imprenditori della Puglia riunitisi a Lecce intendono lanciare quale voce autorevole della classe dirigente di domani. Al termine del dibattito, hanno visitato a Matino l’azienda Romano Spa, titolare del marchio Meltin’Pot. Augusto Romano, direttore della divisione Meltin’Pot, ha illustrato le strategie industriali e di comunicazione che hanno portato al successo il rinomato brand.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!