Aperti la domenica? Libertà di scelta

I commercianti leccesi potranno decidere in piena libertà in merito alle aperture domenicali di ottobre e novembre. Resta l’obbligo di chiusura nei sette giorni festivi previsti dalla legge

Paolo Perrone, sindaco di Lecce, ha firmato venerdì un’ordinanza (n. 915/2009) di revoca dell’ordinanza sindacale n. 971/2008 con la quale, nel decidere la programmazione delle aperture domenicali per il 2009, sono state anche disposte limitate deroghe all’obbligo di chiusura per i mesi di ottobre e novembre 2009. Di conseguenza si lascia ai titolari di tutte le tipologie di esercizi commerciali, su tutto il territorio comunale ed in tutti i giorni domenicali e festivi, la scelta dell’apertura. La sezione di Lecce del Tar Puglia, infatti, su ricorso di alcuni operatori commerciali, ha evidenziato (con ordinanza n. 287/2009 e con sentenza n. 1752/2009) che la liberalizzazione degli orari e dei giorni di apertura favorisce la creazione di un mercato dinamico e aperto all’ingresso di nuovi operatori e che la regolamentazione del mercato da parte del legislatore e delle amministrazioni deve essere contenuta entro limiti comunque rispettosi dei principi comunitari della libera concorrenza, consentendo agli imprenditori di competere tra di loro in situazione paritaria e sulla base delle rispettive capacità e possibilità ed ai consumatori di scegliere i prodotti e i servizi che ritengono migliori e più convenienti. Con questi provvedimenti il Tar ha ritenuto, quindi, che la legge regionale n. 5/2008, imponendo vincoli alla libera esplicazione della concorrenza si pone in contrasto con il diritto comunitario e con il D.Lgs. n. 114/98 ad esso ispirato, con la conseguenza che devono essere disapplicate le norme regionali che in tema di aperture di esercizi commerciali risultano in contrasto con quelle pro-concorrenziali contenute negli articoli 12 e 13 del Decreto Legislativo. “L’amministrazione comunale ha sempre ritenuto necessario assicurare sul territorio un’efficiente ed equilibrata offerta commerciale – ha spiegato Perrone – liberalizzando le aperture sino a quando l’entrata in vigore della legge regionale n. 5/2008 non lo ha impedito. Considerato che è ancora sub judice l’ordinanza n. 971/2008, si è ritenuto ragionevole e giustificato procedere alla sua revoca, permettendo quindi ai commercianti leccesi di decidere liberamente le chiusure e aperture domenicali e festive dei mesi di ottobre e novembre. E’ fatto salvo il rispetto della chiusura obbligatoria nei giorni festivi elencati al comma 8 quater dell’art. n. 18 della legge regionale n. 11/2003 (1 gennaio, domenica di Pasqua, 25 aprile, 1 maggio, 2 giugno, 25 e 26 dicembre), salvo deroghe che potranno essere eventualmente stabilite con separati provvedimenti, sulla base di accordi sottoscritti con le organizzazioni di categoria”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!