Koreja in tour. Iran, Tunisia e Serbia

Si spingono verso nuovi territori, finora poco esplorati dal teatro italiano, a testimonianza di un progetto culturale radicato sul territorio e che si alimenta di sempre più frequenti fughe e viaggi

Una stagione che ha già visto gli spettacoli della compagnia toccare Albania, Montenegro, Cipro, Macedonia e che ora arrivano per la prima volta in Iran, Serbia e Tunisia, a testimonianza di un progetto culturale radicato sul territorio e che si alimenta di sempre più frequenti fughe e viaggi. Ora si parte per l’Iran e precisamente Isfahan, sicuramente la più bella città dell’Iran, dichiarata patrimonio mondiale dall’Unesco per la presenza di stili architettonici islamici particolarmente affascinanti. Domani alle ore 15.00 e alle ore 17.00 la compagnia Koreja è ospite del XVI International theatre festival for children and young adults per presentare Giardini di plastica, spettacolo cult della compagnia, giunto al suo XV anno di programmazione con Antonella Iallorenzi, Maria Rosaria Ponzetta e Fabio Tinella. La compagnia Koreja approderà poi nell’ambito del JoakimInterFest il 13 ottobre alle ore 21.00 a Kragujevac, in Serbia, città conosciuta per la Yugo-Zasteva, l’auto più venduta nei Balcani prodotta grazie agli accordi con la Fiat che nei prossimi anni riprenderà la sua presenza in Serbia. Qui presenterà La passione delle troiane, per la regia di Antonio Pizzicato e Salvatore Tramacere in cui attori, musicisti e cantanti (alcuni tra i migliori dell'orchestra della Notte della taranta) divengono protagonisti di una rappresentazione che si pone tra il teatro e la musica, tra il concerto e lo spettacolo. Lo spettacolo farà poi tappa il 18 novembre 2009 alle ore 21.00 a Tunisi nell’ambito delle Giornate teatrali di Cartagine.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!