Gabellone riparte dal Bil

Le considerazioni di Antonio Gabellone, presidente della provincia di Lecce, sui dati pubblicati dal “Sole 24 ore”, secondo cui Lecce sarebbe la provincia più vivibile della Puglia

“Gli indicatori del ‘Bil’, ‘Benessere interno lordo’, rilevati dall’autorevole ‘Il Sole 24 Ore’ rappresentano una buona base di partenza per una Provincia che sappia uscire dalla crisi di alcuni settori industriali strategici, in grado di mettersi alle spalle le emergenze rifiuti e ambientale, capace di dare risposte concrete e di eccellenza alle richieste formative dei nostri giovani”. Con queste considerazioni, Antonio Gabellone, presidente della Provincia di Lecce, prende atto delle rilevazioni della recente indagine pubblicata dal principale quotidiano economico italiano. “Nell’osservazione dei dati – continua Gabellone – l’Amministrazione provinciale ha orientato la sua attività verso la risoluzioni delle questioni sopraindicate, a cui ha iniziato a rispondere sin dai primi giorni e dai primi atti della legislatura. Per questo vorrei citare solo qualche esempio, pure significativo: la gestione dell’emergenza rifiuti, l’aver evitato al Salento un’estate con 2mila tonnellate di immondizia per le nostre strade e lungo le nostre spiagge con interventi concertati e tempestivi; l’aver impostato un produttivo lavoro con le parti sociali ed economiche per imprimere i segnali di una ripresa all’economia, ma anche un altrettanto rassicurante segnale di certezze, diritti e ammortizzatori sociali per chi è ancora in sofferenza; l’aver ripreso vecchi progetti nel campo dei lavori pubblici, con il doppio beneficio di dare opportunità di nuove commesse alle imprese del settore in crisi ma anche di dare ordine e sicurezza alla rete stradale della nostra Provincia; l’aver puntato in maniera decisa sul rilancio dell’edilizia scolastica e su una complessiva valorizzazione del nostro patrimonio immobiliare; abbiamo guardato all’intermodalità nel Grande Salento, incontrando il sindaco di Brindisi per iniziare ad applicare la nostra piattaforma programmatica; senza dimenticare gli importanti collegamenti del nostro capoluogo, per cui abbiamo approvato il tanto atteso protocollo d’intesa per il ribaltamento della stazione ferroviaria di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!