Cercano la minore scomparsa, trovano la droga

I carabinieri di Veglie hanno rinvenuto la giovane allontanatasi da casa circa due mesi fa; si era rifugiata da un uomo con precedenti penali per stupefacenti

Nel corso del blitz messo in atto nella mattinata di oggi per rintracciare una minore scomparsa da casa da circa due mesi, i carabinieri della stazione di Veglie hanno raggiunto risultati più rilevanti del previsto. In seguito alla raccolta di informazioni e sopralluoghi, i militari sono giunti a casa di Cosimo Leone, 29enne inoccupato del posto, già noto alle forze dell’ordine per precedenti penali in materia di stupefacenti, dove hanno rinvenuto la ragazza che lì si era rifugiata volontariamente. Alla vista dei militari, i due hanno tentato di allontanarsi da un’uscita secondaria della casa, ma invano: i carabinieri avevano già circondato l’immobile e ne hanno impedito la fuga. Leone ha inoltre provato a disfarsi, lanciandolo da una finestra, di un involucro, contenente dosi di eroina per un totale di 10 grammi. Una successiva perquisizione ha consentito di trovare anche carta d’alluminio confezionata in rettangoli (tipica della preparazione di dosi da vendere) e la somma di 150 euro, ritenuta provento di attività di spaccio. L’uomo è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio ed è stato condotto presso la casa circondariale di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!