L'addio a Davide

GUARDA IL VIDEO. Si sono svolti nel pomeriggio di oggi presso la chiesa del Cristo redentore a Tiggiano i funerali di Davide Ricchiuto, il parà morto nell'attentato di Kabul

“La morte è difficile da accettare, soprattutto se a morire è un giovane”. Lo ha detto stasera il vescovo Vito De Grisantis durante la celebrazione dei funerali di Davide Ricchiuto, il 26enne parà della Folgore morto nell'attentato di giovedì scorso a Kabul. Davide era giovane; inoltre la sua morte è stata violenta e ciò rende la sua scomparsa ancora più difficile da accettare. “Davide – ha continuato De Grisantis – lascia tre messaggi ai giovani: l'amore per la vita, la gioia di vivere di per sé e per gli altri; il senso del dovere e dell'adempimento del compito che il Signore ha assegnato ad ognuno anche a costo del sacrificio della vita; l'amore per la patria, perché si stabiliscano sulla terra pace e giustizia”. Una chiesa gremita ha reso l'ultimo saluto al militare di Tiggiano. Un silenzio solenne ha riempito il vuoto lasciato dal giovane. Il feretro ha raggiunto la chiesa del Cristo redentore; ad attenderlo una folla silenziosa, che ha applaudito a lungo. Così è stato anche alla fine della celebrazione, quando la bara, seguita dal corteo, si è diretta verso il cimitero per la tumulazione. Tra i presenti anche Raffaele Fitto, ministro per gli Affari regionali, e Nichi Vendola, presidente della Regione Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!