'No al cdr. Sì alla tutela della salute pubblica'

Lecce. Il consigliere Idv, Gianfreda, presenta un odg sul parere positivo del Consiglio provinciale al coincenerimento di Colacem

Il Consiglio provinciale aveva espresso, all'unanimità, parere positivo al coincenerimento di cdr da parte del cementificio di Galatina “Colacem”, scavalcando anche il parere contrario della Commissione Ambiente. Era il 21 febbraio scorso. A seguito dell'animato dibattito e delle numerose proteste (come a Soleto) per la delicatissima questione, il consigliere regionale e provinciale di Italia dei Valori, Aurelio Gianfreda, con l'appoggio del coordinatore provinciale, Francesco D‘Agata, del vicecoordinatore regionale Lucio Lugli, del consigliere Gianfranco Coppola e di tutta l'Idv salentina, ha presentato, quale primo firmatario, un nuovo ordine del giorno (in allegato) sulla questione. L'intento dell'odg e di deliberare e ribadire il valore essenziale e primario – quale bene da tutelare al pari dei valori fondamentali dell'uomo – della salute pubblica e in specie della salute delle popolazioni insediate nel territorio circostante l'impianto di Colacem spa; di condividere, in quanto fondate, le preoccupazioni circa l'aggravamento delle condizioni ambientali e dell'incidenza di tale aggravamento sulla salute delle popolazioni in questione a seguito della messa in esercizio del coincenerimento del cdr da parte di Colacem spa; di manifestare la propria volontà politica contraria all'avvio di tale esercizio, impegnando al contempo il Presidente della provincia a rappresentare tale indirizzo consiliare presso tutte le sedi istituzionali interessate, nonché ad adoperarsi affinché i procedimenti amministrativi avviati da Colacem vengano condotti in maniera trasparente e rigorosa tenendo a fondamento l'indirizzo consiliare dinanzi ad Arra e Asl sopra espresso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment