Salvatore Greco: governo ridicolo

Durissimo il commento del Deputato pugliese dell'UDC sul comportamento dell'esecutivo sulla finanziaria

Per l'On. Greco (UDC) il Parlamento è ostaggio di un regime dirigista e il Mezzogiorno è la grande vittima di questa manovra finanziaria

«Un comportamento ridicolo, di persone che non hanno a da perdere: neppure più la faccia». Lo ha dichiarato l'on. Salvatore Greco, componente della Commissione Attività produttive della Camera, a margine dei lavori d'aula sulla Finanziaria. «Annunciare un maxiemendamento e porre la fiducia – ha spiegato – significa espropriare il Parlamento per instaurare un regime dirigista che non tiene conto delle reali necessità degli italiani e si preoccupa di arraffare tartassando famiglie e ceti medi. A poche ore dal voto, peraltro, di questo maxiemendamento non se ne conosce neppure il contenuto. Ieri l'Udc ha dimostrato ancora una volta il proprio senso di responsabilità ritirando praticamente tutti i propri emendamenti, tenendone in vita appena 5, a patto che anche governo e maggioranza facessero lo stesso e cedessero alla richiesta democratica affinché si discutesse in aula della manovra e non nelle segrete stanze delle trattative sottobanco». «Il governo ha naturalmente fatto orecchie da mercante – ha proseguito Greco – e ha tirato dritto secondo quello che era il suo piano fin dall'inizio: blindare una manovra ispirata dalla politica dello spremiagrumi». «Nei giorni scorsi siamo riusciti a sventare l'introduzione della tassa di soggiorno – ha proseguito Greco – che sarebbe stata un ulteriore disincentivo al turismo nelle nostre città, soprattutto quelle piccole e quindi più bisognose di incentivo: predicano di voler puntare sul turismo e poi rendono più care le visite alle migliaia di bellezze artistiche e ambientali di cui gode il nostro Paese. Quello che ci hanno di fatto impedito di fare oggi è provare a recuperare fondi per il Mezzogiorno, che aldilà degli annunci fraudolenti di qualche esponente del governo resta la grande vittima di questa manovra». Per il Presidente del Consiglio Romano Prodi la scelta di ricorrere alla fiducia deriva invece dal comportamento ostruzionistico dell'Opposizione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!