Un premio per i beni artistici

Anteprima a Lecce del Il “Premio Internazionale Torre di Belloluogo”

Il “Premio Internazionale Torre di Belloluogo” ha lo scopo di valorizzare il patrimonio artistico e culturale, nel senso più vasto e completo, del nostro Salento. L'”anteprima” avrà luogo a Lecce il 19 novembre presso la Torre di Belloluogo, a partire dalle ore 11.

La Torre di Belloluogo è un luogo poco conosciuto dai leccesi, nonostante sia facilmente raggiungibile e disti pochissimo dal centro storico, nonostante sia immerso in una strana atmosfera da profonda periferia. Lasciandosi indietro l'Obelisco e percorrendo Via Taranto, poco prima del rondò si imbocca Via Zimbalo e ci si trova in un ampio terreno dove si trova la Torre di Belloluogo, un antico monumento medievale che, tra il XIV e il XV secolo, fu la residenza di Maria d'Enghien, Contessa di Lecce e Regina di Napoli. Pur essendo di proprietà pubblica comunale, la Torre si trova ancora oggi in uno stato di completo abbandono. E per questo un gruppo di appassionati si batte proponendo la valorizzazione del sito e la tutela del patrimonio artistico-culturale salentino come propria missione. Tra le iniziative dell'Osservatorio la prima edizione del Premio internazionale Torre di Belloluogo, il momento culminante dell'iniziativa di volontariato culturale intitolata “Ri/Salpando per Bisanzio” (1996 – 2006), promossa ed organizzata dall’associazione ideale Osservatorio con il Patrocinio della Provincia di Lecce. Vengono assegnati oggi (domenica) i riconoscimenti a persone, associazioni, enti ed organismi che si sono particolarmente distinti in campo culturale ed umanitario a livello internazionale. Beniamino Piemontese coordinatore dell'Osservatorio Torre Belloluogo, in pieno spirito ecologico e di tutela del territorio, raccomanda ai tanti che accorreranno alla manifestazione di usare la bicicletta e gustarsi una gita “fuori porta”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!