Odg: Copersalento. Consiglio gremito

Si è tenuto ieri a Maglie il Consiglio comunale monotematico richiesto da Pd e dal consigliere Chirilli. Straordinaria partecipazione dei cittadini. Assennato: “Bonifica necessaria”

L’aula consiliare di Maglie era talmente piena che molti cittadini sono stati costretti a rimanere fuori ed a seguire il Consiglio dal corridoio. Del resto, il tema all’ordine del giorno, proposto dal Pd e dal consigliere Francesco Chirilli, era di interesse collettivo: l’emergenza sanitaria ed ambientale e la Copersalento. Alla riunione erano presenti anche diversi rappresentanti delle associazioni cittadine, alcuni dei quali indossavano mascherine antismog. Il dibattito ha toccato tutti i punti della questione ambientale discussi negli ultimi mesi: la Copersalento, l’emergenza sanitaria, l’emergenza rifiuti, la possibilità di costruire ex novo un termovalorizzatore nell’area della Copersalento. “Se l’azienda, nell’occhio del ciclone da diversi mesi, vuole dimostrare la propria buona fede – ha affermato Chirilli nel suo intervento – si dia da fare per recuperare lo stesso materiale bruciato ai tempi dei clamorosi esiti (quando, nel luglio 2008, il limite di diossina sforò di 420 volte quello consentito per legge, ndr). Da allora infatti non c’è stata alcuna possibilità di ripetere le analisi. Farò un esposto al Consiglio superiore della Magistratura su tutta la vicenda”. Le preoccupazioni dell’intera cittadinanza per la costruzione di un nuovo termovalorizzatore si sono manifestate con le testimonianze di persone sofferenti di leucemia lette in aula da Gianfranco Andreano, del Tribunale dei diritti del malato. Giorgio Assennato, direttore di Arpa Puglia, ha ribadito la gravità dei risultati delle analisi condotte nel luglio 2008 e sottolineato che l’emergenza sanitaria, al momento, è rientrata, ma che risulta comunque necessario un intervento di bonifica dell’area dalla diossina. Il Consiglio è andato avanti fino a tarda ora. Articoli correlati: Maglie. Fitto querela il Pd

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!