Luigi De Giovanni. Da Lecce a Bologna

La casa editrice Il raggio verde diventa uno spazio espositivo, ospitando da domani fino al 2 ottobre, una personale di pittura di un cagliaritano nativo di Specchia

A Bologna è lo studio legale internazionale Iura, non nuovo a queste iniziative, che diventa galleria; a Lecce la casa editrice Il raggio verde. Specializzata in editoria d’arte, Il Raggio Verde diventa spazio espositivo ospitando, da domani fino al 2 ottobre, la personale di pittura di Luigi De Giovanni, originario di Specchia, ma da anni residente a Cagliari. “L’estro di De Giovanni – scrive Federica Murgia – è nelle cose della natura, è nelle angosce che attanagliano l’animo umano. Le opere dell’artista sono d’ispirazione impressionista, dal tratto fortemente espressionista, per giungere all’informale, nelle tecniche miste e nei jeans. Il suo è il mondo della luce che vibra nel colore che da forma. E’ la spiritualità, è il pathos che si palesa nelle opere: suggestioni ed emozioni d’attimi che vengono fermate nel dipinto. E’ come se avvertisse il genius loci e con esso interloquisse comunicandolo nell’espressività delle pennellate e del colore”. E sarà proprio il paesaggio il protagonista principale dell’evento espositivo, presentato da Carmen De Stasio e organizzato da Il Raggio Verde nell’ambito di una serie di iniziative relative all'arte nei non – luoghi, format avviato ormai da diversi anni con ottimo successo di critica e di pubblico. Ed è nel solco di questa “filosofia” che , Il Raggio Verde apre periodicamente la propria sede ad eventi d'arte. Quest'ultimo, dedicato alla ricerca pittorica di Luigi De Giovanni sul paesaggio salentino, avviene “in contemporanea” – e da qui anche il titolo scelto per l'evento -con l'apertura di una mostra dello stesso artista nello Studio IURA di Bologna. Un prestigioso studio legale internazionale che ogni anno promuove una grande mostra d'arte. Arte che diventa volano di sviluppo e di promozione del territorio, scambio reciproco di conoscenza e occasione di dialogo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!