A scuola col sindaco

Ha dato il benvenuto agli alunni delle materne di Casarano ed ha invitato i più grandi a vivere al meglio gli anni della scuola. Il sindaco Ivan De Masi alle perse con il primo giorno di scuola

E’ stato un inizio di anno scolastico insolito per i bambini delle otto scuole materne di Casarano. Che, al suono della campanella, si sono visti entrare in classe il sindaco Ivan De Masi accompagnato dalla Giunta comunale. Lì per dare il benvenuto ai piccoli alunni. Già nei giorni scorsi De Masi aveva inviato una lettera a tutti i bambini che quest’anno fanno il loro ingresso nella scuola elementare e, da ex alunno delle scuole casaranesi, ha invitato gli studenti a vivere in armonia la vita scolastica. “Guardate alla scuola – ha scritto in un messaggio inviato direttamente agli istituti – non come ad un luogo in cui qualcuno vi obbliga a studiare materie che spesso sono lontane dai vostri interessi, ma come ad un’occasione irripetibile per accrescere le vostre conoscenze ed ampliare i vostri orizzonti. Apprendere significa guardare, con gli occhi del sapere, il mondo in cui entrerete da adulti, quello stesso mondo in cui voi stessi sarete chiamati ad essere protagonisti. Non perdetevi dietro il miraggio di facili traguardi, non inseguite illusioni verso improbabili scorciatoie, perché ogni successo, in qualunque campo, costa applicazione e sacrificio. Non scoraggiatevi di fronte a quelle difficoltà che tra i banchi di scuola potranno presentarsi: una sfida non si vince mai senza fatica e un po’ di sacrificio. Solo così – conclude la nota – una volta raggiunto il vostro obiettivo, avrete la soddisfazione di poter dire ‘ce l’ho fatta’”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!