Lecce distribuisce altri composter

Fino ad oggi sono stati distribuiti 540 composter ed altri 250 sono stati prenotati. Gianni Garrisi, assessore comunale all'Ambiente, nota una “maturazione culturale” dei cittadini sui temi ambientali

La distribuzione in comodato d’uso gratuito dei composter domestici nel Comune di Lecce è ripresa da martedì 8 settembre e continuerà ogni martedì (dalle ore 09:30 alle ore 12:30 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00) ed ogni venerdì (dalle ore 09.30 alle ore 12:30), presso l’ex macello comunale sito in via S. Nicola, dove coloro che non l’abbiano già fatto potranno avanzare direttamente la richiesta del composter ottenendone l’immediata consegna. L’ha reso noto ieri Gianni Garrisi, vicesindaco di Lecce ed assessore alle Politiche ambientali. Come è noto, i composter sono i contenitori atti a produrre concime e terriccio da utilizzare come fertilizzante nel proprio terreno, così da permettere ai residenti le cui utenze siano dotate di giardini, orti o terreni di espletare la pratica di compostaggio domestico e contribuire alla riduzione Fino ad ora Il Comune di Lecce ha distribuito 540 composter; altri 250 sono stati prenotati dalle diverse categorie di cittadini: amministratori di condominio, proprietari di ville, villini e case a schiera, dirigenti scolastici e di uffici pubblici dotati di giardino. Per tale ragione, al fine di agevolare ulteriormente i cittadini, l’assessorato ha concordato con gli uffici l’opportunità di effettuare la prenotazione direttamente presso il sito di consegna ubicato nell’ex macello comunale anche nelle ore pomeridiane del martedì. “L’iniziativa sta avendo grande riscontro nella cittadinanza – ha commentato Garrisi – e lo dimostrano i numeri della distribuzione. Abbiamo sempre evidenziato la necessità di una maturazione ‘culturale’ dei cittadini sui temi ambientali, soprattutto per quel che riguarda le piccole abitudini quotidiane, a casa o per la strada. Questa iniziativa sta dimostrando che i leccesi sono gente matura e sanno che il loro contributo è fondamentale per tenere pulita la città e per preservare il suo futuro”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!