Nani, ballerine e altre suggestioni

La prima raccolta di racconti della giornalista Angela Leucci. Una sorta di lungo viaggio in un Salento inedito, dove a fare da sfondo non sono sole, mare e vento, ma misteriosi ed efferati omicidi che a volte si risolvono in una burla, un niente di fatto, che si rispecchia nell'ironia dei personaggi

E' uscita la prima raccolta di racconti della giornalista Angela Leucci, dal titolo Nani, ballerine e altre suggestioni. Il volume, edito per i tipi della casa editrice siciliana Akkuaria, è una sorta di lungo viaggio in un Salento inedito, dove a fare da sfondo non sono sole, mare e vento, ma misteriosi ed efferati omicidi che a volte si risolvono in una burla, un niente di fatto, che si rispecchia nell'ironia dei personaggi a partire dai loro nomi. Scrive Antonio Errico, all'interno della prefazione: “In queste storie non c’è posto per le interrogazioni sui concetti di tempo e di luogo. Qui ci si interroga e ci si risponde sulle urgenze e sulle emergenze di ogni giorno, concrete, evidenti. Ogni relazione con l’altro da sé è un corpo a corpo senza esclusione di colpi. Le parole sono fendenti. I dialoghi sono incalzanti, serrati, aggressivi talvolta. Esprimono l’incontro tra il tempo di due soggetti, quindi di due diverse esistenze, due modi diversi di pensare ed essere nel mondo, per il mondo, per l’altro, per se stessi. Angela Leucci è una che ha mestiere. Sa che per raccontare una storia bisogna saperla vivere profondamente. Lei queste storie le ha vissute profondamente. È una che ha mestiere. Sa che bisogna far vivere anche al lettore la storia che si è vissuta prima di raccontarla. Così lei ci racconta le storie facendole vivere anche al lettore. Sì, Angela Leucci è una che ha mestiere”. Il libro può essere acquistato on line scrivendo a [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!