Anno nuovo, scuola nuova

“Auguri a docenti e studenti per il nuovo anno”. Antonio Gabellone e Marcella Rucco, presidente ed assessore alla Pubblica istruzione della Provincia, illustrano come cambierà la scuola salentina

All’inizio del nuovo anno scolastico giungono gli auguri ma anche le proposte della nuova Amministrazione provinciale per il mondo della scuola. “La Provincia seguirà con particolare attenzione i problemi delle scuole del territorio, offrendo tutta la collaborazione possibile perché possano erogare un servizio valido, efficace ed anche efficiente, nei confronti dei nostri ragazzi, che rappresentano il futuro di questo Salento”. È questo il senso del messaggio augurale indirizzato agli studenti del Salento, ai loro docenti ed al personale scolastico da Antonio Gabellone, presidente della Provincia, e da Marcella Rucco, assessora alla Pubblica istruzione. “L’autonomia scolastica – sottolineano – attribuisce alle singole istituzioni scolastiche nuove e significative possibilità d’iniziativa, ma non tutte sono già in grado di realizzare singolarmente percorsi proficui per la loro utenza e per i territori su cui gravitano. Per questo, quello che serve è la capacità di collegarsi in rete con altre istituzioni del territorio, scolastiche e non, per garantire un servizio di qualità”. “La Provincia – dichiara Rucco – intende perseguire proprio questo scopo: aiutare le istituzioni scolastiche, educative e formative del territorio, anzitutto a conoscersi, a dialogare e, possibilmente, a collaborare in vista del conseguimento dell’obiettivo comune, ossia la migliore formazione possibile dei nostri bambini e dei nostri giovani. Siamo convinti di quanto occorra investire nei processi e nelle istituzioni formative, per garantire a tutto il territorio provinciale la produzione di intelligenze e, dunque, di ricchezze. Sarà cura di questa Amministrazione garantire non solo la fruibilità degli edifici scolastici, sempre più sicuri ed idonei allo svolgimento dell’attività didattica, ma anche la dotazione di arredamenti adeguati e di aggiornati sussidi tecnici”. “Vogliamo diffondere l’idea di una scuola ‘bene comune’ – aggiunge Gabellone – e per questo daremo presto vita ad un coordinamento operativo e organizzativo di tutti gli assessorati comunali all’Istruzione della Provincia, per una prima ricognizione dei problemi sul campo e per valutare insieme le soluzioni migliori”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!