Casarano. La zona industriale “fuma” di notte

Il Comitato cittadino per la tutela dell'ambiente sottopone all'attenzione dei cittadini uno “strano” ma ormai familiare episodio: da più di un anno, con regolarità settimanale si avverte un forte odore di plastica bruciata

Il comitato cittadino per la tutela dell'ambiente sottopone all'attenzione dei cittadini un particolare episodio. Il comitato dichiara: “Da più di un anno, con regolarità settimanale (il martedì o il venerdì o il sabato), si avverte un forte odore di plastica bruciata proveniente da Nord, presumibilmente dalla zona industriale. Questo odore, che comincia alle ore 22 e si protrae per tutta la notte, sta causando problemi respiratori, nausea, mal di testa e mal di gola, non soltanto negli adulti ma anche, e soprattutto, nei bambini”. Per ulteriori conferme, il comitato ha raccolto le testimonianze di alcuni abitanti di contrada Pietra Bianca i quali hanno trovato la mattina, nei loro giardini, frammenti bruciati di sacchi di plastica usati per la spazzatura. Data la gravità della situazione, in data 27 agosto, il comitato ha denunciato alla locale caserma dei carabinieri i gravi fatti sopra indicati al fine di identificare gli autori dei fatti-reato in argomento. Pertanto, il comitato chiede la collaborazione di tutti i cittadini affinchè sostengano attivamente l’iniziativa di una raccolta firme da presentare al sindaco e all’assessore all’Ambiente, con lo scopo di avere risposte chiare e definitive sui seguenti argomenti: 1) origine, autori e responsabilità relativi all’inquinamento ambientale di cui la città è oggetto da più di un anno; 2) dettagliato resoconto del ciclo dei rifiuti, dalla raccolta al loro smaltimento, e identificazione dei soggetti istituzionali e privati responsabili di tale processo. Confidiamo nel senso di responsabilità di tutti i cittadini, essendo questo un delicato problema che coinvolge in maniera trasversale lo stato di salute di tutta la popolazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!