Giovanni Refolo. Direttore Generale della Provincia

La giunta provinciale ha nominato Giovanni Refolo al vertice dell’apparato amministrativo dell’ente di palazzo dei Celestini

Sarà Giovanni Refolo il nuovo direttore generale della Provincia di Lecce. La giunta provinciale, infatti, nella seduta odierna ha nominato l’attuale dirigente del settore Territorio, Ambiente e Programmazione strategica, al vertice dell’apparato amministrativo dell’Ente di Palazzo dei Celestini, secondo i criteri riportati nel Testo Unico degli Enti locali, dello Statuto e dell’Ordinamento degli uffici e servizi della Provincia di Lecce. //Giovanni Refolo Laureato in Ingegneria civile presso il Politecnico di Torino, è dipendente dell’amministrazione provinciale dal maggio ‘87 e dirigente dal luglio dello stesso anno. Negli anni ha diretto vari settori e servizi all’interno dell’Ente (Lavori pubblici, Viabilità, Pianificazione territoriale, Urbanistica, Trasporto pubblico locale, Patrimonio, Gestione territoriale, Attività turistiche, Ambiente e Programmazione strategica) è stato incaricato, tra l’altro della predisposizione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (PTCP), coordina il Comitato di coordinamento tra la Provincia di Lecce e l’Università del Salento finalizzato al recupero, salvaguardia e valorizzazione dei paesaggi salentini, è componente del Comitato tecnico presso l’Autorità di Bacino delle Puglia e del Comitato regionale per la valutazione di impatto ambientale presso l’assessorato all’Ecologia della Regione Puglia. Diverse, inoltre, le attività di docenza e le pubblicazioni in materia di conservazione dei beni culturali, restauro architettonico ed urbanistico, politiche ambientali e impatto ambientale, risparmio energetico e promozione degli insediamenti produttivi, gestione dei rifiuti solidi urbani e protezione civile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!