Tre pugliesi a Miss Italia

Saranno tre le miss elette in Puglia alle serate finali di Salsomaggiore di “Miss Italia”. Ecco come sostenerle

Tutti pazzi per le Miss pugliesi. I nomi delle finaliste elette in Puglia circolano insistentemente nella rete, blog e social network in testa. A Salsomaggiore in sessanta, dal 12 al 14 settembre, si contenderanno lo scettro della più bella d’Italia, e tra loro ci sono “Miss Puglia” Gaia Variale, “Miss Eleganza Segue… Puglia” Romana Cenesi, e “Miss Valleverde Ragazza in Gambissime Puglia” Loredana Di Biaso. Non è in gara ma farà da valletta la leccese Marta Baglivo. Per loro Miss Italia continua nelle serate di Rai Uno, condotte da Milly Carlucci, prima donna alla guida del Concorso. Il pubblico da casa potrà votare, a partire da sabato, telefonando al numero 89.48.48.48 e digitando il codice di identificazione della miss scelta, oppure inviando un sms al numero 48444. Si possono esprimere un massimo di tre preferenze in ogni fase (ad eccezione dell’ultima serata, quando si potranno esprimere fino a cinque voti). Gaia Variale, 21enne di Modugno (Ba), nel gruppo delle “Sportive”, è in cima ai sondaggi dei quotidiani on line. Con i suoi 180 centimetri d’altezza, gli occhi nocciola ed i capelli biondi, conta già tantissimi fan nel web. Il suo codice per il televoto è il numero 15. Romana Cenesi, l’unica mamma in gara con un bambino di cinque anni, è entrata di diritto nel gruppo delle “Vamp”. Alta 182 centimetri, compirà 25 anni il 12 settembre. Viene da Roma, ma ha scelto di partecipare alle selezioni pugliesi. Per votarla basta digitare il numero 25. Nel gruppo delle ragazze “Trendy” c’è Loredana Di Biaso, la ventenne di Grottaglie (Ta) dagli occhi verdi. Alta 170 centimetri, lunghi capelli ricci e castani, ama cantare quanto confezionare abiti. Il suo codice televoto è il numero 56.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!