Aiuti per Adelchi e Romano

Buone notizie per i 338 lavoratori della Romano di Matino e i 578 dell'Adelchi di Tricase

I 338 lavoratori della società Romano, impresa tessile di Matino, potranno usufruire degli aiuti della Regione per affrontare lo stringente periodo di crisi in corso. E’ stata la decisione presa al termine dell’incontro del 3 settembre presso il Ministero del Lavoro, quando la Regione Puglia ha formalizzato la disponibilità a concedere per 12 mesi la sua parte di Cassa Integrazione in Deroga (30%) a 200 lavoratori, tetto massimo concordato dai sindacati, che faranno ricorso a rotazione agli ammortizzatori sociali in deroga. La cassa in deroga consente ai dipendenti di usufruire di una parte di reddito dall’1 settembre al 31 agosto 2010. Anche il calzaturificio Adelchi di Tricase tira un sospiro di sollievo per qualche mese, grazie alla proroga della cassa integrazione dei lavoratori. Ma, terminato il periodo di Cig primaria e rinnovati gli ammortizzatori sociali per i 578 lavoratori dell’azienda, il gruppo dovrà misurarsi sul “dopo”. Non che negli ultimi tempi abbia trascurato il pensiero di come reinserirsi in maniera competitiva sul mercato. L’azienda ha infatti ha investito molto negli ultimi anni comprimendo costi, alleggerendo l’organizzazione produttiva, investendo in ricerca ed innovazione, realizzando un brevetto per calzature di qualità medio-alta. Ciò che è mancato e manca tuttora è invece il sostegno da parte di Governo e banche per il rilancio del made in Italy all’estero.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!