Gratis a S. Cesarea Terme

Poggiardo. Parte il servizio di trasporto gratuito per gli anziani che intendano effettuare cicli di cure termali

L’assessorato politiche sociali del comune di Poggiardo informa che anche per quest’anno verrà organizzato il servizio di trasporto gratuito a S.Cesarea Terme. All’iniziativa potranno partecipare gli anziani di Poggiardo e Vaste (65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne) che intendono effettuare cicli di cure termali a S. Cesarea Terme per terapia inalatoria e fangoterapia. Le domande di partecipazione, complete di impegnativa del medico curante e di dichiarazione di autosufficienza, dovranno pervenire all’Ufficio Protocollo del Comune di Poggiardo entro il 28 settembre 2009. Per informazioni rivolgersi all’Ufficio Politiche Sociali del Comune di Poggiardo (Responsabile dr. Antonio Ciriolo, Tel. 0836/909812 – 0836/991000, Fax 0836/909863 0836/991000, e-mail [email protected] Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ). Silvio Astore esprime soddisfazione per questa ennesima iniziativa in favore degli anziani di Poggiardo e Vaste: “Anche quest’anno consentiremo agli anziani di effettuare cicli di terapia inalatoria e di fangoterapia presso le Terme di S. Cesarea. Viene confermato anche quest’anno l’indirizzo politico di questo Ente di valorizzare le Terme di S. Cesarea, una realtà importantissima di questo territorio, che tutti gli Enti locali devono contribuire sempre di più a far conoscere ed utilizzare a partire dai propri cittadini”. Antonio Corvaglia invita “tutti i potenziali beneficiari ad aderire a questa iniziativa con lo stesso entusiasmo e la stessa partecipazione dimostrata in occasione del soggiorno climatico 2009, iniziativa per la quale sono pervenute oltre 70 domande. Per favorire la più ampia partecipazione sono stati calendarizzati cicli di cure presso le terme a partire dal 12 ottobre per la terapia inalatoria e dal 26 ottobre per la fangoterapia. Sollecito quindi tutti i soggetti interessati a presentare la domanda presso gli uffici comunali alle politiche sociali, al fine di organizzare il servizio nel miglior modo possibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!