Piazza Garibaldi restituita alla città

Casarano. Cerimonia d’inaugurazione di Piazza Garibaldi, realizzata con 300 mila euro di fondi regionali

Casarano. cerimonia di inaugurazione di Piazza Garibaldi. Dopo quasi un anno, Piazza Garibaldi viene restituita alla Città in una veste totalmente rinnovata. L'intervento di restauro è stato realizzato, lo ricordiamo, con un finanziamento regionale di 300.000 euro a valere sui fondi F.E.R.S. 2007/2013, ottenuto nel 2010, nell'ambito del programma di Riqualificazione dei centri urbani, e con un cofinanziato dal Comune di Casarano per 75.000 euro. Il progetto esecutivo è stato redatto nel gennaio 2012 dall’arch. Francesco Longo, Responsabile del Servizio LL.PP., e dall’Ing. Stefania Giuri e Geom. Alessandro Astore, tecnici del Comune. ” Sono lieto di restituire alla Città una Piazza Garibaldi totalmente rinnovata – afferma il Sindaco Dr. Gianni Stefano. Con l'intervento di restauro abbiamo radicalmente modificato la piazza rispetto all'esistente. Abbiamo realizzato uno spazio architettonicamente armonico con i palazzi storici tra i quali si sviluppa, e togliendo gli alberi abbiamo valorizzando e reso visibili le pregevoli facciate degli edifici. Il progetto di ristrutturazione è stato pensato per rendere la piazza maggiormente fruibile dai cittadini. Ci scusiamo con i cittadini e con le attività commerciali per il tempo impiegato per il restauro, ma ciò si è reso necessario per la necessità di realizzare un lavoro certosino e a regola d'arte. Ringrazio, gli uffici, l'impresa la direzione dei lavori e l'ex assessore Bandiello per il risultato ottenuto. Invito tutta la cittadinanza a partecipare alla cerimonia di inaugurazione, che abbiamo voluto per il giorno della Santissima Immacolata, e alla quale ci onorerà con la Sua partecipazione Sua Eccellenza il Vescovo Monsignor Fernando Filograna.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!