La solidarietà di Buccoliero a precari ed Ata

Antonio Buccoliero esprime la sua vicinanza ai precari della scuola, che nelle scorse ore hanno messo in atto un sit in di protesta dinanzi alla Prefettura di Lecce

“Esprimo viva solidarietà ai docenti precari e al personale Ata, che hanno manifestato il proprio comprensibile malcontento dinanzi alla Prefettura”. È quanto dichiara Antonio Buccoliero, consigliere della Regione Puglia, in seguito al sit in di protesta messo in atto dinanzi alla Prefettura di Lecce, dai precari della scuola. “Si tratta di una situazione estremamente delicata – prosegue Buccoliero – come delicate sono tutte quelle vicende che si giocano sulla pelle di tanti lavoratori e delle loro famiglie. Sembra quasi un paradosso considerare precari coloro che vantano un'esperienza lavorativa ventennale e una professionalità che dovrebbe rappresentare un fiore all'occhiello per la PA. Purtroppo, i tagli che sono stati compiuti, hanno fortemente penalizzato un settore, come quello scolastico, che assume sempre di più un'importanza strategica nella crescita civile e democratica di un Paese”. La scuola, immediatamente dopo la famiglia, è il luogo dove si formano gli uomini e le donne del domani e per questa ragione, pur salvaguardando la meritocrazia e la corretta gestione delle spese, è quanto mai necessario procedere con attenzione ad ogni possibile taglio finanziario, perchè le conseguenze potrebbero essere avvertite non solo nell'immediato, ma anche nel medio e lungo termine. Pertanto Buccoliero condivide la preoccupazione di tanti precari che alla scuola hanno dato e continuano a dare professionalità, impegno, passione e competenza. “L'auspicio – conclude – è che le preoccupazioni degli insegnanti precari e del personale Ata ricevano la giusta attenzione, così come assicurato dal ministro Sacconi, affinchè non si privi la scuola della competenza di validi professionisti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!