Francesca Fersino replica a Claudio Casciaro

Le accuse da parte del Pdl non la intimoriscono. Francesca Fersino rimanda ai mittenti le affermazioni contenute nel comunicato stampa: ” Io sto lavorando. I cittadini di Casarano lo sanno”

Francesca Fersino replica alle accuse del PDL e di Claudio Casciaro usciti alla ribalta con un comunicato stampa, in cui “attaccavano” la loro antagonista politica. “Lo hanno fatto per tutta la scorsa campagna elettorale, continuano a farlo ancora oggi forse ignari che la stessa sia già finita”. Precisa Francesca Fersino. E continua: “Posso tranquillamente affermare che il mio impegno politico è sempre stato finalizzato al miglioramento della mia Città e alla tutela degli interessi di tutti i cittadini e mai al raggiungimento di posizioni personali privilegiate. Ne è dimostrazione la mia storia politica che è stata sempre cristallina e trasparente”. Le dimissioni della Fersino da assessore al Bilancio e alla Pubblica Istruzione furono rassegnate nel 2002, sette anni fa. A tale proposito precisa la Fersino: “Durante l’espletamento del mio mandato non sono stati generati debiti fuori bilancio, non furono da me promossi ne’ portati ad approvazione BOC e non fu contratto alcun debito nei confronti della Ditta Monteco. In quei tempi le revisioni prezzi venivano effettuate regolarmente ad ogni esercizio, come ben sa il consigliere Marrella”. “Con coerenza rispetto a questo percorso politico – conclude Francesca Fersino- ho deciso di portare un allargamento alla maggioranza e alle linee programmatiche del sindaco De Masi con il solo scopo di mettere a disposizione della mia Città la mia passione e le mie competenze professionali. Io sto lavorando! I cittadini di Casarano lo sanno! Mi confermano il loro sostegno ogni giorno, perciò rimando ai mittenti le affermazioni calunniose e diffamatorie contenute nel comunicato stampa e mi riservo di tutelare la mia persona nelle sedi opportune”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!