Tricase. Salento International Film Festival

Documentari, cortometraggi e a chiudere il primo lungometraggio in concorso italiano Stare fuori, opera seconda di Fabiomassimo Lozzi presente alla proiezione insieme all’attore protagonista

L’Italia alla terza giornata del Salento International Film Festival con in programma documentari, cortometraggi e a chiudere il primo lungometraggio in concorso italiano Stare fuori, opera seconda di Fabiomassimo Lozzi presente alla proiezione insieme all’attore protagonista. Il regista arriva a Tricase direttamente da Montreal (Canada) dove ha presentato il film al 33° Festival del cinema di Montreal dove è stato il film più visto. Bella la musica di Giordano Corapi che sottolinea perfettamente lo struggimento ossessivo dei protagonisti, tutti molto bravi e perfettamente in parte da Guia Jelo (Rosalia) a Ivo Micioni (Giulio) a Federico Pacifici nella difficile parte del marito di Rosalia. //Il programma Alle ore 18:00 nella sala del Trono di palazzo Gallone Adieus: Piero Ciampi e le altre Storie Documentario di Ezio Alovisi – Italia 2009 – 90 min. I fiati gravi ed acuti e le sbilenche colorate sagome della Banda Osiris ci introducono in un antico teatro abbandonato, un luogo dove facilmente possono intersecarsi racconti dell’oggi, testimonianze e repertori d’epoca. Ecco Nada Malanima nella sua Livorno, Gino Paoli sulla costa ligure, Lydia Mancinelli in un evocativo salotto romano. Francesco Guccini tra i suoi monti. Piero Ciampi sarà solo raccontato dalla sua voce e la sua immagine ironica e tragica, dagli unici filmati esistenti, mentre una rievocazione degli anni del ’68 romano è affidata a un Ernesto Bassignano, zio protettore dei Castore e Polluce del Folkstudio, ovvero Venditti e De Gregori che ci compaiono l’uno barbuto e nero, l’altro biondo e angelico. Alle ore 19.30 nella sala del Trono di palazzo Gallone 2, programma di cortometraggi dedicato ai corti di autori Italiani: La preda di di Tommaso Arrighi, Io parlo di Marco Giaffreda, Quando dico no è no di Christian Marazziti e Agenzia immobiliare di Stefano Quaglia. Alle ore 20.30 nell’atrio di palazzo Gallone 3, programma di cortometraggi dedicato ai corti di autori Italiani: Il male assoluto di Francesco Colangelo, Il cappellino di Giuseppe M. Albano, Maschere di Salvatore Canale e Sisifo di M. Botrugno e D. Coluccini. Alle 21.30 World Cinema – Concorso Nell’atrio di palazzo Gallone Stare fuori di Fabiomassimo Lozzi, Italia 2008. Il film racconta amori che non si dimenticano e che si traformano poi in ossessione. Da una parte una madre, Rosalia che non riesce a dimenticare la morte del figlio per overdose e dall’altra Giulio, un ventenne ossessionato dal ricordo della bella Aurora che un giorno ha lasciato la Sicilia per andare a lavorare a Roma dove è poi sparita nel a. Dopo la proiezione Incontro con il Regista. Il Salento International Film Festival realizzato con il sostegno dell’assessorato al Mediterraneo ed Attività Culturali della Regione Puglia, patrocinato dalla Città di Tricase, Provincia di Lecce, Ambasciata dell’India, a Roma e dall’ Ente Nazionale del Turismo Indiano. L’evento organizzato e prodotto dalla CineSalento, un’associazione culturale nata nel 2004 sotto la direzione di Luigi Campanile, con lo scopo principale di promuovere il territorio salentino attraverso il cinema, una delle forme più potenti di comunicazione e di legame tra culture e popoli. Essa vuole sensibilizzare l’opinione pubblica su tali temi e fornire gli strumenti conoscitivi attraverso servizi ed iniziative sociali, e culturali. La CineSalento crede che il valore aggiunto che possono dare gli eventi cinematografici sul territorio sia una risorsa che non solo non vada dispersa ma incentivata per creare ricchezza ed opportunità di lavoro, promuovere il turismo cinematografico e rafforzare l’immagine del Salento e della Puglia nel Mondo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!