E il parco diventa argomento di “discussione”

La presentazione di tesi di laurea sul parco “Costa Otranto-Leuca e Bosco di Tricase” sono occasione per conoscere il territorio da vicino. I due incontri (oggi e venerdì) rientrano nel programma “Salento nel parco” dell'Apt

Due incontri di presentazione di tesi di laurea/dottorato relative al territorio del parco “Costa Otranto-Leuca e Bosco di Tricase”. Oltre alle escursioni nel parco, la cooperativa “Ulisside”, ente gestore del Cea di Andrano, per la settimana “Salento nel Parco” promossa dall’Apt di Lecce in tutta la provincia, decide in questo modo di divulgare per due giorni (oggi e venerdì 4 settembre), alle ore 18 al Castello di Andrano, i lavori su temi che si pongono come occasione di confronto tra il pubblico ed il mondo accademico nell’ottica di valorizzazione e promozione di studi e lavori svolti dagli studenti dell’Università salentina. Il primo incontro vedrà la presentazione ed i relativi colloqui su “Piante ad uso alimentare nel Capo di Leuca”, tesi di laurea di Valentina Rizzo, e “Biodiversità e paesaggio rurale nel parco Otranto-Leuca”, tesi di laurea di Antonio Rodia. Oltre ai due tesisti interverranno a commento delle tesi esperti come Tina Mele del Laboratorio di Botanica Sistematica, Vico Maglie, agronomo ed autore di un testo pionieristico sulle erbe mangerecce, ed i docenti Domenico Nardone e Santina Lamusta, autori di numerose pubblicazioni scientifiche e di divulgazione inerenti i temi affrontati. Il secondo incontro (4 settembre) riguarderà, invece, “Il paesaggio Geoambientale dell’area costiera Otranto-Leuca” e “Il plancton della Grotta del Ciolo” con tesi di laurea di Giuseppe Maggiore e tesi di dottorato di Salvatore Moscatello. Cornice ed itinerario artistico di questi eventi saranno le opere della pittrice Enza Mastria, la cui mostra, “La natura del reale”, si concluderà domenica 6 settembre ed è visitabile ogni giorno dalle 18 alle 21.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!