Castro dà fiducia al sindaco

Un elenco con i punti del programma realizzati in due anni di governo. Così il Consiglio comunale di Castro ha respinto l’atto di sfiducia a Luigi Carozzo presentato dall’opposizione

Otto voti contrari (maggioranza) e tre favorevoli (consiglieri di minoranza). Con questi numeri il Consiglio comunale di Castro respinge l’atto di sfiducia presentato nei giorni scorsi dal gruppo di opposizione “Rinnovamento” nei confronti del sindaco Luigi Carrozzo, firmatario quest’ultimo nelle scorse settimane del decreto di revoca del proprio vice Rocco Rizzo e protagonista – secondo la minoranza – di un’azione amministrativa “poco efficace, stantìa e slegata dalla obiettività dei fatti e dall’evolversi della società”. “La mozione di sfiducia presentata nella seduta del Consiglio comunale, – si legge nelle motivazioni a suffragio del primo cittadino – conteneva una serie di valutazioni, che prescindono da qualsiasi riferimento al concreto operato del sindaco e della giunta e che, perciò, sono del tutto infondate e assolutamente pretestuose”. Detto questo, il gruppo di maggioranza per avallare l’operato dell’amministrazione ha presentato un elenco delle realizzazioni operate in due anni di mandato: “Il sindaco e la giunta, dal momento del loro insediamento, si sono prodigati per la soluzione dei problemi del paese, proseguendo il lavoro svolto dall’amministrazione precedente e avendo sempre come riferimento il programma presentato agli elettori”. Si va dall’attivazione della rete della fogna nera alla raccolta differenziata porta a porta, al regolamento del porto per i diportisti locali, all’ampliamento del cimitero, alla pavimentazione di piazza Perotti, consolidamento del costone roccioso di Castro Marina a seguito del crollo del febbraio 2008, rifacimento del sentiero della Palombara, del sentiero dei Pescatori e della illuminazione della grotta Zinzulusa. E poi progetti presentati all’Area Vasta tra cui il consolidamento delle strutture portuali, l’ampliamento del porto, la rinaturalizzazione del parco delle querce nel parco regionale Otranto-Santa Maria di Leuca e della piazza Botticelli a servizio del parco, l’intervento di riqualificazione energetica dell’edificio della Scuola Materna, destinato ad ospitare la nuova sede del Comune, attraverso l’utilizzo delle fonti rinnovabili. Ed ecco spiegato il perché la sfiducia è stata rispedita al mittente. Articoli correlati: Castro, caos politico

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!