Regolarizzazione badanti. Ci pensa Informamondo

Fino al 30 settembre per regolarizzare la posizione dei lavoratori domestici extracomunitari senza permesso di soggiorno. A Casarano, lo sportello Informamondo fornisce l’assistenza necessaria

Dal primo settembre, anche a Casarano, colf e badanti possono presentare domanda di regolarizzazione utilizzando la procedura on-line. La pratica può essere inoltrata anche dallo sportello “Informamondo” attivato dal Comune nel 2001 allo scopo di fornire assistenza agli immigrati. In base alla circolare numero 10 del 7 agosto 2009 del Ministero dell'Interno e del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, la posizione dei cittadini extracomunitari privi di titolo di soggiorno, impiegati presso le famiglie come lavoratori domestici di sostegno al bisogno familiare (colf) o come assistenti di persone affette da patologie o handicap (badanti), potrà infatti essere regolarizzata. Lo sportello “Informamondo” si è già attivato per la compilazione delle domande per la cui compilazione c’è tempo sino al 30 settembre. Lo sportello è gestito da mediatori linguistico-culturali di diverse nazionalità e costituisce un punto di riferimento per gli stranieri per quanto riguarda le pratiche burocratiche, fornendo informazioni in merito al mondo del lavoro ed alle attività interculturali. Si trova in piazza Nazario Sauro ed è attivo ogni martedì (dalle ore 10.30 alle 12.30) e giovedì (dalle ore 17.30 alle ore 19.30). Per informazioni telefonare allo 0833514243. “Siamo molto sensibili alla presenza sul territorio di una comunità extraeuropea – ha dichiarato Giulia Tenuzzo, assessora ai Servizi alla persona, alla famiglia e alle associazioni -; peraltro lo sportello Informamondo è l’unica realtà del genere non solo del nostro ambito, ma in tutti quelli del sud Salento. Per questo abbiamo intenzione di valorizzarla al massimo nella programmazione del Piano sociale di zona per il triennio 2009-2011”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment