Alfarano: “Theutra con noi dal 2000″

L’assessore replica al capo dell’opposizione Antonio Rotundo sugli affidamenti alla Theutra: “Perchè se ne accorge solo adesso?”

“C’è una cosa che davvero non riusciamo a capire e cioè perché Rotundo si svegli una mattina d’agosto e si accorga della Theutra che collabora con il Comune di Lecce da ben nove anni. Una cooperativa di giovani che ha sempre lavorato con profitto e tra gli apprezzamenti dei cittadini e dei turisti e che, quindi, costituisce una preziosa risorsa per l’amministrazione comunale e per la città intera”. Massimo Alfarano replica alle polemiche del capo dell’opposizione Antonio Rotundo che ha tenuto una conferenza stampa sull’affidamento da parte dell’amministrazione comunale alla cooperativa Theutra di servizi di informazione ed accoglienza turistica. “E’ possibile che Rotundo ed i suoi – continua – non sappiano che già dal 2000 questa cooperativa lavora per la città? La delibera del 17 agosto è l’ultimo di una lunga serie di atti che hanno sancito la collaborazione tra la Theutra ed il Comune di Lecce. Perché solo quest’ultimo non va bene? Ma a parte questo va chiarito a Rotundo ed a tutti che i servizi ricreativi, sportivi e culturali non sono soggetti all’applicazione della normativa sugli appalti pubblici. Ammesso che si tratti di un servizio da mettere a gara, dal momento che la cooperativa Theutra ha presentato un progetto all’amministrazione comunale, e che l’amministrazione ha condiviso contribuendo alla realizzazione con 40.000 euro. E’ triste se una possibilità di lavoro concessa ad una cooperativa di giovani diventa occasione per rovistare nel presunto torbido. Ogni cosa che accade a Palazzo Carafa non può essere pretesto per attaccare il Governo cittadino, come la circostanza di una riunione di Giunta che si è svolta il 17 agosto e che per Rotundo non è la dimostrazione di un continuo impegno amministrativo, ma piuttosto la volontà di nascondere qualcosa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!