Diversificata l’offerta turistica

Tra i turisti, registrato il +8,7% di arrivi. Aumentano anche i posti di lavoro diretti e dell’indotto: +4,6%

Puglia tra le regioni leader del turismo nazionale con l’8,7% in più di arrivi rispetto al 2007. Aumentano anche i posti di lavoro: +4,7%. Lo rilevano i dati di una ricerca della Banca Monte dei Paschi di Siena. “Impegnati da tempo nelle politiche turistiche che innovano e diversificano il prodotto Puglia, il nostro obiettivo è creare un turismo superiore e di qualità, ecosostenibile e rispettoso dell’ambiente, convinti che questa sia la chiave del successo che la Puglia sta riscuotendo sui mercati internazionali”. Lo ha dichiarato Magda Terrevoli, assessore regionale al Turismo, intervenendo alla conferenza stampa di presentazione di Salento nel Parco svoltasi a Lecce nella sede dell’ente camerale. “Tutto questo lo realizziamo con Salento nel Parco, promosso dalla Regione Puglia, in collaborazione con Apt di Lecce e gli enti gestori dei Parchi salentini, il progetto promuove un turismo ‘verde’ che costituisce un’ opportunità per lo sviluppo di un segmento di mercato che sta assumendo via via sempre più importanza. “Con Salento nel Parco– ha continuato l’assessore- la Puglia diversifica l’offerta e realizza un turismo in armonia con la natura per sentirne il respiro, per accostarsi ai suoi prodotti generosi e genuini e per godere dei luoghi incontaminati. Mare e palude, grotte e torri costiere, paesaggio rurale e siti di interesse archeologico, ma anche uliveti secolari, pinete costiere e boschi di rara vegetazione, sono gli elementi che si offrono al turista-viaggiatore che visita la Puglia in questo scorcio di fine estate per goderne i colori, gli odori e i sapori che rendono unica l’offerta turistica della nostra regione”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment