Su cinque visitatori, due sono stranieri

Accoglienza turistica in piazza Salandra a Nardò. La promozione turistica e della produttività locale partono da qui

Tengono i flussi turistici nel centro storico. Buona la compagine straniera (su cinque visitatori, due sono stranieri – per lo più francesi, inglesi e tedeschi). “Il sedile di piazza Salandra – ha dichiarato Antonio Vaglio – si conferma quindi scelta vincente di questa amministrazione, che ha creduto sin dall'inizio nel progetto puntando sulla qualità dell'accoglienza e sulla strategicità della location sostenendo l'avvio del servizio malgrado le ristrettezze economiche che si è trovata ad affrontare”. L'analisi è stata effettuata da Turismo d'Autore.com, affidatario del servizio per conto del Comune di Nardò, che ha potuto constatare questi interessanti dati che fanno riflettere sull'efficacia del fare sistema a 360° collegando la nostra città con il territorio, in una visione di una promozione territoriale più vasta, puntando sui fattori caratterizzanti comuni: Piazza Salandra a Nardò, il Duomo di Lecce, il Castello di Otranto o il centro storico di Gallipoli costituiscono tutte insieme le bellezze del nostro unico territorio: il Salento. Numerose sono le attività del centro di accoglienza a servizio di turisti e visitatori, che stanno riscontrando grande successo: visite gratuite nel centro storico neretino, escursioni guidate a Lecce, Otranto, Gallipoli, il servizio di noleggio biciclette a prezzi agevolati, e come originali alternative, le escursioni in bici nei vicoli del centro con degustazione finale ed il trenino turistico, che percorre la litoranea jonica proponendo itinerari panoramici interessanti (da Gallipoli a Sant'Isidoro) toccando tutte le marine neretine e presto anche la fermata in Piazza Castello con cui sarà più facile ammirare il Centro Storico. Tutte le iniziative svolte sono naturalmente in stretta collaborazione con tutte le associazioni che vogliono contribuire alla promozione del territorio di Nardò e del Salento in generale, fornendo i propri servizi. Un'ulteriore importante novità a disposizione delle aziende locali: la possibilità di promuovere i propri prodotti tipici ( vino, olio, prodotti da forno e oggettistica locale) all'interno del Sedile, nonché allestire periodicamente il gazebo esterno al centro della piazza dove esporre, far degustare i propri prodotti, e naturalmente vendere.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!