Solo una strada per Torre Mozza

Il Comune di Ugento ha intenzione di realizzare una seconda strada di accesso a Torre Mozza? Lo chiede Angelo Minenna, consigliere di opposizione, in una interrogazione rivolta a sindaco ed assessori

Una strada che consenta il doppio ingresso a Torre Mozza, marina di Ugento, è stata più volte promessa dall'amministrazione comunale e mai realizzata. In una interrogazione rivolta ad Eugenio Ozza, sindaco di Ugento, e a Carlo Scarcia ed Antonio Mauro, assessori rispettivamente ai Lavori pubblici e all'Urbanistica e territorio, Angelo Minenna, consigliere comunale del Partito dei Comunisti italiani, chiede conto di questo ritardo. Riportiamo di seguito, il testo integrale dell'interrogazione. Alla cortese attenzione del Sindaco di Ugento on.le Eugenio OZZA (in qualità di delegato alla Polizia Municipale) Alla cortese attenzione dell’Assessore ai LL.PP. avv. Carlo SCARCIA Alla cortese attenzione dell’Assessore all’Urbanistica e Territorio geom. Antonio MAURO. Oggetto: interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta. Problemi di transito e di circolazione urbana nella marina di Torre Mozza. Difficoltà di entrata e di uscita nella e dalla suddetta località. Egregi Signori, per sapere, premesso che: – nei mesi estivi le località costiere del territorio ugentino sono letteralmente prese d’assalto da turisti e vacanzieri, i quali arrivano a Torre San Giovanni, Torre Mozza e Lido Marini soprattutto in auto. – Il problema delle nostre due marine, cioè Torre Mozza e Lido Marini, è che esse sono servite da una sola strada d’ingresso e di uscita: questo stato di cose, più volte denunciato a questa Giunta e mai totalmente affrontato e risolto, crea situazioni di code, ingorghi e macchine che sostano ferme per più e più minuti, paralizzando di fatto il traffico in transito da e verso le località summenzionate. – Mi è stato riferito che la scorsa settimana una turista in visita presso Torre Mozza ha avuto in spiaggia un forte malore, forse causato dall’afa e dal caldo di questi giorni. – Al rapido arrivo dei sanitari del 118 di Ugento, subito allertati, è seguito un periodo di circa mezz’ora di stallo e di fermo dell’ambulanza: pare infatti che il mezzo di soccorso abbia incontrato una situazione cronica di imbottigliamento del traffico, all’uscita di Torre Mozza, mentre si stava dirigendo verso il vicino ospedale di Casarano. – Ricordo che da decenni si parla di creare una seconda uscita per Torre Mozza, e, da quanto mi risulta, pare sia già stato individuato il sito per realizzarla: tale promessa, a distanza di anni, viene puntualmente disattesa da questa Giunta Comunale e, ad oggi, non si intravede la benché minima volontà di risolvere tale problema, che sta assumendo i toni del drammatico, se, in caso di emergenza, neanche i mezzi di polizia e di soccorso restano fermi in attesa che il traffico defluisca lentamente. – Evidenzio, inoltre, che in sede di approvazione del Parco Naturale “Litorale di Ugento”, uno dei motivi dello stralcio dal perimetro del suddetto, di alcune zone a ridosso dell’abitato di Torre Mozza, è stato proprio la volontà ferrea della Giunta Comunale di realizzare la famosa, anzi a questo punto oserei dire “famigerata”, seconda entrata/uscita per Torre Mozza. Tutto quanto sopra premesso, CHIEDO quali misure intendono porre in essere il Sindaco Ozza, l’Assessore ai Lavori Pubblici Scarcia e l’Assessore all’Urbanistica Antonio Mauro, ognuno nei propri ruoli e per le rispettive competenze, per risolvere, una volta per sempre, tale increscioso stato di cose, e per realizzare quanto promesso dalla attuale Giunta Comunale ai turisti e ai residenti stagionali della marina di Torre Mozza, cioè la realizzazione della seconda strada d’accesso a Torre Mozza. Distinti Saluti Angelo MINENNA

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!