Influenza A a Lecce

Due coniugi leccesi l'hanno contratta in Russia. I sintomi sono quelli di una normale influenza. Sanapo, direttore sanitario Asl: “Niente allarmismi”

Non è il caso di allarmarsi. E’ questo, in sintesi, il messaggio di Franco Sanapo, direttore sanitario della Asl di Lecce, alla notizia dell’arrivo dell’influenza suina in Salento. E’ sufficiente rimanere in casa per tre o quattro giorni ed assumere degli antipiretici. In conclusione, l’influenza H1N1 è né più né meno di una normale influenza “invernale” e come una comune influenza va trattata. I sintomi del virus che si sta propagando con grande velocità in tutte le latitudini del pianeta sono la congiuntivite con prurito agli occhi e le “classiche” febbre e tosse. Nel Salento, e per la precisione nella città di Lecce, l’influenza A è arrivata dalla lontana Russia, giovedì scorso. A contrarla, a Samara, un grosso centro a circa mille chilometri da Mosca, una coppia di 55enni che nella città russa si erano recati per partecipare al matrimonio del fratello di lei. I coniugi non sono stati ricoverati e, da casa, così come era stato indicato dal ministero della Salute, stanno seguendo, senza particolari allarmismi, le procedure di routine di una normale influenza.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!