Arrestato 24enne per spaccio

Davide Coluccia, soggetto già noto, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente

I carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase, in collaborazione con i militari della stazione di Spongano, hanno arrestato Davide Coluccia, un 24enne di Marittima di Diso già gravato da precedenti di polizia, per detenzione ai fini dello spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, soggetto noto ai carabinieri della compagnia che lo avevano arrestato per lo stesso reato in passato, era tornato ad essere al centro delle attenzioni investigative dei militari perché da alcune settimane lo avevano notato impegnato in una serie di condotte tipicamente indicatrici di una ripresa dell’attività di spaccio. Nei giorni scorsi il controllo a cui Coluccia era stato sottoposto da parte dei Carabinieri era diventato sempre più attento e pressante fino a quando, stamattina, i militari hanno deciso che era il momento giusto per intervenire. Entrati all’interno dell’abitazione dell’uomo per effettuare una minuziosa perquisizione dell’appartamento, gli operanti hanno dovuto all’inizio respingere la collerica reazione di Coluccia, che li ha accolti con insulti e minacce, quindi ingaggiare una breve ma dura colluttazione con lo stesso quando, resosi conto che le sue esternazioni verbali non sortivano alcun effetto, si è precipitato nel corridoio per prelevare un porta sigarette in metallo, nascosto nel cassone di una tapparella lasciato sempre aperto, all’interno della quale teneva custoditi 21 grammi di hashish. Afferrata la sostanza stupefacente Coluccia ha cercato di darsi alla fuga lanciandosi lungo le scale che portano alla terrazza della propria abitazione ma la repentina reazione dei Carabinieri, che non lo hanno mai perso di vista, ha impedito che il tentativo di sfuggire ai militari andasse a buon fine. Subito inseguito e acciuffato da un Carabiniere, al termine di uno scontro fisico durato alcuni interminabili secondi e conclusosi con una rovinosa caduta lungo le scale di Coluccia e del militare, l’uomo ha dovuto rinunciare al suo proposito e consegnare la sostanza stupefacente ai militari. Il prosieguo della perquisizione domiciliare ha consentito di rinvenire, abilmente celati in diversi punti dell’abitazione, un bilancino elettronico di precisione, la somma di 550,00 euro in contanti nonché una serie di strumenti per la coltivazione di marijuana. In particolare sono stati rinvenuti un adattatore da 400W, una lampada della stessa intensità, un gocciolatoio ed altro materiale occorrente per costruire una vera e propria serra da utilizzare per agevolare ed ottimizzare la quantità e la qualità delle piante di marijuana da coltivare. Tutto il materiale, così come il denaro, è stato sottoposto a sequestro. Accompagnato in caserma, Coluccia è stato dichiarato in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e, al termine delle formalità di rito, associato presso la Casa Circondariale di Lecce a disposizione del P.M. di turno Imerio Tramis.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati