L'opposizione a Ugento chiede le dimissioni di Ozza

“Ma che andate cercando? Cosa volete dimostrare? Come governiamo sono fatti nostri” – l'opposizione denuncia frasi inaccettabili della maggioranza

Nel Comune di Ugento, a seguito della richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale monotematico e convocato nella data di giovedì 30 luglio 2009, alle ore 9.30, i consiglieri comunali di opposizione Oronzo Cavalera, Renato Gianfreda e Luigi Corvaglia (PD), Salvatore Riso (Verdi), Gianfranco Coppola (Italia dei Valori), Nico Giannuzzi (UDC) e Angelo Minenna (Partito dei Comunisti Italiani) espongono quanto segue: 1) Da tempo ormai l’attuale maggioranza di centrodestra è percorsa da sussulti, divisioni e travagli interni, che hanno portato alle dimissioni dal ruolo d’assessore rispettivamente di Antonio PONZETTA (delega ad Agricoltura, Sport e Politiche Giovanili) ed in ultimo di Dino CONGEDI (delega a Innovazione Tecnologica, Servizi Demografici, Turismo e Spettacoli). 2) Ciò ha portato il Comune di Ugento a subire una paralisi amministrativa totale: situazione gravissima, che si è riversata sui cittadini di Ugento. 3) Il tragico abbandono di Torre San Giovanni e delle marine, la drammatica situazione ambientale del territorio, la mancata programmazione urbanistica, la crisi economica e sociale, unita alla precarietà e disoccupazione che attanaglia numerose famiglie, le mancate scelte di programmazione turistica e di rilancio dell’immagine di Ugento. A fronte di questi temi proposti, la risposta della maggioranza è stata il non raggiungimento in aula del numero legale, con l’assenza ingiustificata di più della metà dell’esecutivo, dei due Assessori dimissionari e del vice Sindaco ed Assessore all’Ambiente Massimo Lecci. Le forze politiche d’opposizione, in maniera unitaria e coesa, denunciano con forza quest’atteggiamento definito arrogante e chiedono al Sindaco e alla Giunta un’atto di dignità e concretezza: rassegnino immediatamente le dovute dimissioni, per passare la parola al giudizio del Popolo Sovrano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!