Nociglia. In fiamme la Craff

L'intervento imemdiato ha evitato che prendesso fuoco l'intero stabilimento di 4mila metri quadrati nella zona in dustriale della città

I sensori anti-incendio e un eccellente coordinamento degli operatori di soccorso hanno salvato un intero stabilimento di 4mila metri quadrati dalla più che probabile completa distruzione. È accaduto l’altro ieri notte, presso la zona industriale di Nociglia, presso “Craff” azienda di cucine componibili, nella quale improvvisamente poco dopo la mezzanotte forse a causa di un corto circuito, si sono sviluppate fiamme, fumo e una combustione piuttosto notevole. Il segnale d’allarme è scattato nel giro di qualche secondo e in pochi minuti il sistema elettronico ha mobilitato la società di vigilanza Sveviapol che a sua volta ha contattato i Vigili del fuoco del distaccamento di Maglie. Un quarto d’ora appena e i pompieri erano già sul posto pronti a domare le fiamme che avevano intaccato la stanza di ingresso e la zona del mobilificio, dove erano posizionati elettrodomestici e prodotti finiti vari, e stavano per propagarsi negli altri locali. Sul posto sono intervenuti anche una pattuglia dei Carabinieri del comando magliese e l’amministratore unico Francesco Rizzo, 68enne di Miggiano. Quest’ultimo ora aspetta la quantizzazione dei danni da parte dei periti e per tutta la giornata di ieri ha voluto rassicurare clienti, lavoratori e fornitori che nel giro di qualche giorno l’intero stabilimento tornerà a pieno regime.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!